Sanremo Nuova Generazione 2010, gli Analisi Logica: “Noi cesurati perchè antimilitaristi e pacifisti”

Puntuale come un cronometro svizzero, ecco la prima polemica sanremese. Protagonisti gli Analisi Logica, band di Cinisello Balsamo, il cui pezzo “Ma c’era il sole“, presentato alle selezioni di Sanremo Nuova Generazione, è stato escluso e censurato. Un pezzo dichiaratamente antimilitarista, pacifista, che parla di un bambino che resta mutilato a causa delle mine anitiuomo. Bocciati dalla commissione artistica perchè il testo non sarebbe conforme al regolamento. La frase incriminata è: “Gli uomini bianchi che parlano quella lingua strana non mi piacciono. E’ colpa loro se adesso la mia famiglia non è più felice“. L’articolo 3 del regolamento dice: “I testi non devono essere discriminatori in ragione di età, sesso, orientamento sessuale, condizioni personali e sociali, razza, lingua, nazionalità, opinioni politiche e sindacali, credenze religiose“.

Polemica lanciata. Prima su youtube, dove la band scrive: “Abbiamo motivo di credere che si tratti di un atto di censura politica verso un pezzo liberamente ispirato ai principi della Convenzione internazionale sui diritti del Fanciullo della Dichiarazione universale sui Diritti umani, in alcun modo lesiva della dignità di nessuno e tantomeno offensiva verso alcuna categoria. E’ un atto inaccettabile (siamo nel 2010), ingiustificato e in contrasto con l’ articolo 21 della Costituzione italiana”.

E poi la band si sfoga sui media. Ecco quanto hanno dichiarato i componenti del gruppo sulla vicenda: “La Rai è fuori dal tempo, perchè nel 2010 non si può censurare un brano di una band (peraltro sconosciuta ai più) per una frase sull’uomo bianco (chi le mette le mine antiuomo?!). Un avvocato (a noi sconosciuto) su difesadellinformazione.com spiega benissimo la questione (la lettera è questa qui ndr), difendendoci. Inoltre è assurdo che si permetta a Povia di andare a fare il moralista ogni anno solo per fare polemica e a noi venga impedito di dire una cosa del genere“.  Noi non facciamo commenti, li lasciamo a voi.

You May Also Like