“Stanco”, Marco Mengoni ed il suo flashmob

AVVISO AI NAVIGANTI: QUESTO BLOG NON VA IN VACANZA, TUTTAVIA SINO AL PROSSIMO 9 AGOSTO NON SAREMO IN GRADO DI RISPONDERE AI VOSTRI MESSAGGI. CONTINUATE COMUNQUE A MANDARCI LE VOSTRE SEGNALAZIONI!

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=uPQouMB_9t0&feature=fvst]

Ormai è un pò una moda, ma in fondo è anche una maniera per coinvolgere i fan in un progetto musicale. Parliamo del flashmob, tecnicamente la concentrazione di un gruppo di persone in un dato posto per mettere in pratica una azione (in questo caso, ballare) e la successiva rapida dipersione delle stesse. Ne avevamo fatto conoscenza a maggio, durante la serata finale dell’Eurofestival, quando tutta l’Europa ballava sulla musica di “Glow” dei Madcon.

Ecco ora riproporci l’idea Marco Mengoni. Il ventiduenne di Ronciglione ha utilizzato questa tecnica  per promuovere   “Stanco (deeper inside)” secondo singolo del suo premiato album “Re Matto” (100mila copie e disco di platino). Il pezzo è molto bello, molto rock, migliore senz’altro di quella “Credimi ancora” con cui ha raggiunto il terzo posto a Sanremo. Non c’è niente da dire, questo ragazzo ha talento da vendere. E appena 22 anni. Il futuro è dalla sua parte, il presente lo vive già al massimo.