X Factor 9, le audizioni: dentro Marco Sbarbati e l’umbra Selene Capitanucci

Seconda puntata di selezioni per X Factor 9 nella quale ritroviamo alcune vecchie conoscenze. Passa al prossimo giro, per esempio, nientemeno che Marco Sbarbati. Del cantautore maceratese avevamo parlato tempo fa, in occasione del suo esordio: è l’ultimo talento scoperto da Lucio Dalla e il suo primo lavoro è stato prodotto da Caterina Caselli. Vedremo se riuscirà a lanciarsi definitivamente entrando nel lotto dei 12 in gara.

Selene Capitanucci

Poi troviamo la nostra corregionaria Selene Capitanucci, omaggiata anche di una scheda personale: già vincitrice a Saremo al Centro, seconda l’anno scorso al Festival della Canzone Italiana di New York (ne parlammo qui), conquista i giudici con la sua interpretazione di “Giudizi Universali” di Samuele Bersani, proposta nella versione portata l’anno scorso in gara da Ilaria Rastrelli. Bella performance, emozionante, voce cristallina, volto che buca lo schermo, la giovane umbra ha tutte le carte in regola per fare bene. Vedremo se la ammetteranno al bootcamp.

Sugli scudi due ragazzi stranieri, i migliori della serata. Ovazione per il giovanissimo statuinitense Elijah Walti, che si presenta a suon di sorrisi ed hukulele in braccio canta una sua versione di “Johnny Be Good” di Chuck Berry. Più tortuoso il passaggio del turno da parte della messicana Fabiola Osorio che si propone – pure lei bucando lo schermo – con “You shook me all night long”: il pubblico la acclama, ma prende due no (Skin e Mika). A furor di popolo, viene fatta rientrare per esibirsi acappella su un pezzo pop e stavolta Mika cambia idea regalandole un sì e una nuova chance.

Elijah Walti

A proposito di hukulele, la giovane Elisa Zoccali, fan degli Skunk Anansie ne ha uno e sale sul palco per chiedere l’autografo di Skin: lei ringrazia e la provina a furor di popolo: “You follow me down” del gruppo britannico prende i quattro si dei giudici. Parecchio bravi anche il cantautore-insegnante Santino Cardamone con un suo inedito (“Amsterdam”) e il sedicenne Luca Valenti con “Another love” di Tom Odell e anche l’elettropop degli OSC2X che ci fanno riascoltare “Boyband” dei Velvet, pezzo sempre molto bello.

Entrano anche Diego Esposito, Floriana Pappa, Martina Galli, Landlord, Street Chords, che portano una versione acappella di “Wake me up” di Avicii ft Aloe Blacc, Massimiliano D’Alessandro. Nella serata degli stranieri, terrificante la performance della greca Miriam Metaxa, attrice e pittrice, personaggio pittoresco con borsetta e foglio del testo. Canta talmente male che Mika sale con lei sul palco “See you again” dello stesso artista anglo-libanese. Finisce in duetto surreale, lei ovviamente esce di scena.

Fabiola Osorio

Fischi meritatissimi per Rosy Talarico che si presenta con “Come le sirene” di Fedez e già per questo parte ad handicap.. Voleva accattivarsi le grazie del giudice e invece la cosa più terribile è che è riuscita anche a stonare. Un pezzo di Fedez. Davanti a Fedez. “Ho dieci anni di canto alle spalle, sono poliedrica”. Nel senso che li fa tutti male come ieri?

La settimana prossima terza ed ultima puntata delle audizioni registrate, mentre per chi avesse perso questa serata, può rivederla in differita in chiaro la domenica anche su MTV (canale 8 del DTT) e come sempre su Cielo (canale 26 DTT).