Dieci canzoni italiane sull’estate e per l’estate uscite nel 2016

Estate, tempo di tormentoni estivi. Ma anche di canzoni che semplicemente hanno per tema l’estate stessa, o uno dei suoi mesi o alcuni aspetti della stessa. C’è vita, come sempre, anche nella musica italiana, anche se molto spesso alcune belle cose non si ascoltano a sufficienza. Noi abbiamo scelto dieci brani italiani con l’estate e sull’estate, di vario genere. Ciascuno di loro particolare, a suo modo. Buon ascolto, e buona estate.

Shade

Artù- Roma d’estate

Vocalità e sonorità vicine a quelle di Rino Getano, Alessio Dari detto Artù è stato lanciato l’anno scorso da Musicultura, dove entrò fra i finalisti col brano “La vecchia ha un dente di bronzo che a me sembra bianco perchè  sono sbronzo“. Un album all’attivo, diverse collaborazioni importanti, fra cui Mannarino, Brunori SAS e diversi artisti della scena romana. Il pezzo è un bel ritratto della sua città in questo periodo. Lo vedrete stasera al Coca Cola Summer Festival.

Paolo Meneguzzi – Sogno d’estate

Paolo Meneguzzi celebra 20 anni di carriera con un disco con altrettante canzoni (tra inediti e pezzi del passato originali o rifatti). Uno degli inediti è questo dal ritmo latino e un video irato nel deserto di Atacama, nel Cile settentrionale, e i vestiti sono un omaggio alla cultura Mapuche a cui il cantautore italo-svizzero è molto legato, visto che la sua carriera partì proprio dal Cile, dal Festival di Vina del Mar. Come dite? Si certo, dentro ci sono centinaia di citazioni…

Paolo Vallesi – Estate 2016

Mercedes Henger, figlia di Eva Henger e recentemente vista all’Isola dei Famosi è la protagonista del video del singolo che segna il ritorno di Paolo Vallesi, un brano che anticipa il suo nuovo album in uscita in autunno. Il singolo è un ricordo delle estate passate, compresa quella dei Mondiali del 1982, fino ad arrivare a quella attuale.

Claudia Aru- La canzone dell’estate

Citazione voluta di un singolo di Enrique Iglesias ne “La canzone dell’estate”, la parodia dei tormentoni estivi firmata da Claudia Aru, cantautrice e insegnante di Villacidro, che si esibisce anche il lingua sarda. C’è dentro qualunque cosa e no, non si prende sul serio, ci mette ironia: “Non serve studiare tanto, basta studiare il coro“, canta. Di recente vista al festival “Musica migrante”, è stata insultata e minacciata di stupro per alcune affermazioni contro i razzisti.

Nada- L’estate sul mare

Gli anni non passano per la cantautrice livornese che è come il vino: migliora col tempo. “L’amore devi seguirlo” è il suo nuovo lavoro, che la conferma su livelli artistici eccezionali e questo è il quarto estratto, con un testo bellissimo che evoca tantissime cose lontane dal comune senso di canzone estiva, l’attesa estenuante di un amore lontano e il ricordo di spiagge surreali. Un piccolo grande capolavoro.

Tieni il tempo- Un’estate che resta

I Tieni il tempo, come suggerisce il nome, nascono come tribute band degli 883. Ma dopo diversi anni di attività solo cantando i brani della band di Pezzali, il gruppo cagliaritano esce con un inedito, pienamente estivo. Ritmo latino, divertimento senza pretese.

D JAD ft Pino Pepsee, Uchiemann & El Vecio- Questa estate

Dj e beat maker, DJ JAD è stato per tanto tempo l’altra anima degli Articolo 31 fino allo scioglimento del duo e dell’avvio delle carriere solista sua e di J AX. Quattro album da solista per lui, con varie sonorità: questo singolo che lo vede collaborare con artisti della scena reggae e hip hop italiana è un tributo, nello suo stile ironico ed originale, all’estate nel suo significato più puro e desiderato: sole, amori, mare e sale sulla pelle.

Marvin – Come ad agosto

Ai giovanissimi il nome di Marvin (Alessandro Moschini all’anagrafe) non dice niente, in realtà lui è uno dei dj e vocalist dance italiani più celebri e famosi in Europa, che dalla fine degli anni 90 collabora con tantissimi altri artisti del settore (Prezioso su tutti, suo “Tell me why”, tormentone dell’estate 1999). “Come ad agosto” è un pezzo dance pop caldissimo, con veramente l’estate dentro (non solo nel testo)

Camin & Dodicianni – Un’estate al mare

Tributo in versione synth pop alla grandissima Giuni Russo da parte di questa accoppiata di solisti in collaborazione.  Il trentino Francesco Camin, già vincitore del Premio Lunezia nel 2013, ha poi preso parte alle selezioni di Sanremo Giovani e da allora è prodotto da Michele Mondella della Midas. L’altro è Andrea Dodicianni, veneziano, artista completo, musicista e non solo (Una sua esposizione ironica con protagonista Angela Merkel fece molto discutere),  già vincitore del premio della giuria popolare al premio Amnesty international Voci per la libertà e un album ultimato a Los Angeles con collaborazioni importanti.

Shade- Odio le hit estive

E non potevamo che concludere con lui, Vito Ventura, in arte Shade, 27enne rapper torinese tre anni fa vincitore di MTV Spit e che ha in carniere un po’ di bella roba. L’ultima è questa qui, una presa in giro di tutti i tormentoni estivi, con tanto di video infarcito di proposito di clichè estivi. “Con tutto questo schifo che c’è in radio, potresti anche passarmi, che disagio“. C’ha ragione.