Festival di Sanremo 2017: tutti i risultati ufficiali delle tre giurie

Il trionfo di Francesco Gabbani a Sanremo è stato costruito nell’ultima sera. Lo dicono i dati delle votazioni complete diffusi come sempre dalla Rai a fine manifestazione. Non mancano le sorprese a dire il vero. La grande sconfitta di questo Festival, per esempio, è senz’altro Giusy Ferreri: un Sanremo particolarmente negativo per la cantante palermitana, saldamente ultima in tutte quante le esibizioni: punita dalla stampa, non considerata dagli esperti e nemmeno dalla giuria demoscopica ma – e questo è forse il dato che dovrebbe far riflettere – completamente ignorata anche dal televoto.

Due situazioni sicuramente colpiscono: l’enorme fan base, in gran parte di giovanissimi, di Lodovica Comello, che la mettono al riparo assoluto da rischi grazie ad un terzo posto al televoto la prima sera (mentre è penultima per i giornalisti), addirittura prima nella serata cover. Televoto dei cui favore gode anche Fabrizio Moro (la tv fa bene, evidentemente), secondo la prima sera. Bianca Atzei, grazie alla performance lacrimosa della quarta sera (e anche probabilmente grazie ad un robusto battage della radio del suo editore) sale vertiginosamente dall’ultimo posto al nono, con la punta del settimo nella quarta sera, dove è quarta al televoto e della vittoria nella serata ripescaggi.

Ma è senz’altro il festival di Michele Bravi: il cantante tifernate  Il cantante coglie i frutti della carriera ricostruita sul web e porta a casa sin dalla seconda sera confermandosi poi nelle altre sere : il podio gli sfugge soltanto perchè gli esperti  gli voltano le spalle: più votato in semifinale, durante la quinta serata chiude “solo” al quarto posto per la giuria presieduta da Giorgio Moroder anche per colpa di una performance solo media per la demoscopica. Francesco Gabbani, come detto scala posizioni: il televoto non ha dubbi e lo incorona nella quinta sera, con la demoscopica che comunque gli sorride. Nel rush finale il televoto incorona ancora Francesco Gabbani, la demoscopica invece vota  Fiorella Mannoia mentre gli scelgono esperti  Ermal Meta. Il risultato è un testa a testa, che premia il cantante di Carrara. Da sottolineare lo zero – leggasi: zero – per Al Bano e Gigi D’Alessio per la giuria degli esperti nella quarta sera, che di fatto ne sancisce l’eliminazione (ma a ben vedere, nemmeno il televoto, loro tradizionale bacino, li premia).

Sul fronte dei giovani Marianne Mirage, anche con i 12 voti della sala stampa mancante, non avrebbe raggiunto il secondo posto, ma si consola dell’eliminazione col primo posto per i giornalisti. Un televoto che premia il pezzo assai sanremese di Francesco Guasti anche questo dovrebbe far riflettere sul fronte di chi vota davvero. La popolarità tv invece è senz’altro il fattore principale della vittoria di Lele, che trionfa col 51% al televoto