0

“Unbound”, l’islandese Asgeir guadagna consensi in Europa

Lo spazio quest’oggi è dedicato ad un artista ancora poco noto in Italia ma che nel nord Europa sta riscuotendo grandi consensi per la sua particolare declinazione del pop d’autore. Asgeir arriva dall’Islanda ed è l’ennesima dimostrazione che nella terra dei Geyser c’è molto altro oltre a Bjork. “Unbound” è il suo nuovo singolo estratto dall’album “Afterglow“. Atmosfere rarefatte, quasi psichedeliche, brani difficilissimi al primo ascolto ma di altissimo livello.

Oltre mezzo milione di ascolti su spotify, il brano trasporta in mondo di realtà virtuale sconosciuto, in cui le persone sono in grado di esprimere i loro desideri più profondi e oscuri, attraverso una lente futuristica. A soli 25 anni Asgeir Trausti è già affermatissimo in patria: vincitore a 20 anni del premio per l’album dell’anno agli Icelandic Music Awards, la sua produzione di allora, “In the silence”, la sua seconda (ma prima in inglese) è stata acquistata da un decimo della popolazione nazionale.

Per lui sono arrivati show alla radio della BBC, alla Sidney Opera House, in Svezia, Regno Unito, Danimarca e una serie di collaborazioni importanti e di livello, fra cui quella col musicista americano, da tempo di stanza in Islanda John Grant. Il suo secondo album è stato il debutto più alto in Islanda, meglio di Bjork e dei Sigur Ros. Ora sta guadagnando consensi in tutta Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *