X Factor 13, quinto live: convincono gli inediti, nessuna eliminazione (fino a giovedì)

  • Staff
  • 21 Novembre 2019
  • Commenti disabilitati su X Factor 13, quinto live: convincono gli inediti, nessuna eliminazione (fino a giovedì)

Puntata speciale di X Factor, senza eliminazioni e con la sola esecuzione degli inediti. Cresce il livello rispetto al passato, grazie alla scelta di affidarsi a qualche produzione internazionale, che però allo stesso tempo ha finito per spersonalizzare l’interpretazione. Giordana Petralia va al ballottaggio: se lo giocherà giovedì sera con colui il cui brano avrà venduto meno secondo le classifiche ufficiali. Un ottimo stratagemma per provare ad alzare le vendite, da sempre in difficoltà, dei pezzi inediti.

UOMINI 16-24 (coach Malika Ayane):
Davide Rossi – “Glum” (di Roberto Vernetti): Sicuramente un pezzo nelle sue corde, perchè ha mostrato di essere soprattutto un crooner, questa è l’identità musicale che più gli calza. Un ottimo singolo di lancio, buonissimo per mettersi in luce soprattutto nei live. Per fare cassetta servirà altro.

DONNE 16-24 (coach Sfera Ebbasta)
Sofia Tornambene – “A domani per sempre” (di Sofia Tornambene): Al riascolto, resta la hit migliore. Il lavoro di produzione l’ha trasformata in un pezzo vero, in una power ballad dalle buone potenzialità. Lei è molto brava, convincente, anche come autrice. Tutto molto bello.
Giordana Petralia – “Chasing Paper (di Sia): Pezzo molto internazionale – e ci mancherebbe, visto che l’ha scritto una big come Sia – che radiofonicamente può funzionare. Personalmente però non la sento dentro questo pezzo: lo canta bene, intendiamoci, ma sembra una cover. Lei è altro e forse ha ragione Malika Ayane: ha mostrato grande versatilità ed è un punto a favore. Però questo fattore non fa capire qual è la sua strada artistica.

OVER 25 (coach Mara Maionchi)
Eugenio Campagna – “Cornflakes” (di Eugenio Campagna): Riarrangiamento del brano già sentito, è indubbiamente molto nelle sue corde e viaggia lungo le sonorità dell’indie che attualmente sono molto in voga.
Nicola Cavallaro – “Like I Could” (di Tom Walker, John Green, Jordan Wrigley): Molto pop, si sente la mano di Tom Walker. Ho sempre però la sensazione, ed è dovuto al fatto che su questo la produzione musicale italiana è un passo indietro, che su questi pezzi i nostri interpreti sembrano sempre cantare un po’ una cover. Manca lo sprint, ma non è colpa sua.

GRUPPI (coach Samuel)
Sierra – “Enfasi” (dei Sierra, produzione Big Fish): Si tratta di un brano che abbiamo già sentito, riarrangiato con la produzione di Big Fish ed effettivamente ha un suono molto diverso, molto più crossover. Parecchio radiofonico, senza dubbio.
Booda – “Elefante” (di Booda e Samuel Umberto Romano): Tanto ritmo, grande energia, testo molto complesso per nulla aiutato dalla lingua italiana. Radiofonicamente funziona perchè comunque è un pezzo da cassa dritta, però in generale forse sono piaciuti di più su altro. Non c’è dubbio però che, con una sola settimana alle spalle, è la prova che si può fare comunque questo genere in italiano, si tratta solo di affinare il tutto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: