Lo Junior Eurovision resta in Polonia: vince Viki Gabor con “Superhero”, Marta Viola settima

Lo Junior Eurovision Song Contest resta in Polonia: se lo aggiudica infatti Viktoria Gabor, col brano “Superhero”, prima artista a vincere la rassegna in casa, col primo paese che vince per due volte consecutiva.  Alla Gliwice Arena ha ricevuto il trofeo dalle mani di Roxana Wegiel, che oltre ad essere la campionessa in carica e vincitrice del Bast Polish Act agli MTV Europe Awards era anche nel team dei conduttori ed ha ricevuto il disco di platino per “Anyone I want to be“, il brano dello scorso anno, marcando un altro record: mai nessun brano dello Junior ci era arrivato.

Secondo posto assolutamente a sopresa per Yerzhan Maksim, il rappresentante del Kazakistan col brano “Armanyńnan qalma che aveva stravinto il voto delle giurie nazionali, prima che il voto online consegnasse il trofeo alla Polonia,  Terzo posto per la rientrante Spagna con “Marte” di Melani Garcia. Buon settimo posto per Marta Viola con “La voce della Terra”. La piccola interprete torinese è stata fra le migliori, paga però un brano non fortissimo, che infatti non ha avuto particolare appeal nel pubblico votante.

Vince di nuovo un pezzo fresco e moderno, anche se con questi canoni non si capisce come mai un brano ancora più attuale come quello dell’australiano Jordan Anthony sia stato letteralmente affondato dal voto online: ottavo posto per lui. E’ stata l’edizione dei record, come numero di partecipanti, ma anche in senso negativo coi peggiori risultati di sempre per Malta (ultima) e Russia. Va però detto che  però è una classifica che rispecchia in linea di massima il livello dei brani: ai primi dieci posti ci sono le otto migliori canzoni.

Fanno eccezione il Kazakistan, che ha visto premiato soprattutto l’esercizio di stile e l’Armenia, che prendono il posto di Portogallo – la piccola Joana Almeida non ha cantato benissimo il miglior brano lusitano sinora – e  Georgia, con un pezzo leggero che non è riuscito a fare presa. Si attende ora di capire se TVP vorrà organizzare di nuovo: come è noto nella versione Junior non è obbligatorio ospitare per il vincitore. Qui sotto la classifica finale.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cattolico, cittadino d'Europa, sinceramente Liberaldemocratico. Già speaker radiofonico. Ha scritto e scrive di cronaca, sport, religione e sociale per giornali nazionali e locali per vivere; scrive di musica su siti e blog per sopravvivere.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: