Eurovision Song Contest 2020: ufficiali i primi quattro artisti in gara

Mentre ancora impazza la polemica sul ritiro dell’Ungheria, la macchina dell’Eurovision Song Contest 2020, in programma dal 12 al 16 maggio a Rotterdam, nei Paesi Bassi, si è messa in moto. Sono già 4 fra i 41 paesi in gara quelli che hanno annunciato l’artista. Il primo paese è stato il Belgio, che ha sarà rappresentato dagli Hooverphonic. La storica band, campionessa di vendite in patria, è ormai prossima ai 25 anni di carriera e presenterà all’Europa la nuova cantante,  Luka Cruysberghs, 18 anni, fresca di The Voice versione fiamminga.

La Spagna, dopo alcuni anni di selezioni, ultime quelle con Operacion Triunfo, sceglie una designazione interna e si affida a Blas Cantò già componente degli Auryn e oggi nome pesantissimo della musica pop iberica. La Bulgaria, che è tornata in gara dopo un anno di stop, si affida alla giovane Victoria Georgieva, uscita dalla locale versione di X Factor. Cipro sceglie invece un artista di madre greca e padre tedesco-americano, vale a dire Sandro Nicolas, reduce da The Voice of Germany.

LEGGI LA SCHEDA DI BLAS CANTO’ SUL NOSTRO SITO PARTNER EUROFESTIVAL NEWS

LEGGI LA SCHEDA DI VICTORIA SU EUROFESTIVAL NEWS

LEGGI LA SCHEDA DI SANDRO SU EUROFESTIVAL NEWS

Quanto al ritiro dell’Ungheria, nonostante le smentite di rito della tv, è ormai di dominio internazionale la motivazione, ovvero lo scarso gradimento del Governo nazionalista e sovranista di Orban di una manifestazione dallo spirito particolarmente europeista, non solo nella costruzione di un senso di unitarietà che invece il governo magiaro sta cercando di allontanare, a beneficio di una promozione dei soli sentimenti nazionali, ma anche nei suoi valori liberali, su tutti una società inclusiva e senza discriminazioni, che si batte anche per i diritti del mondo LGBT. Una brutta pagina, non nuova all’Eurovision, ma che ora ha il suo culmine. Nel post di Eurofestival News, il racconto della vicenda.

Di seguito, i paesi in gara e le rispettive tv

  1. Albania (RTSH)
  2. Armenia (AMPTV)
  3. Australia (SBS)
  4. Austria (ORF)
  5. Azerbaigian (ICTIMAI)
  6. Belgio (VRT)- Hooverphonic
  7. Bielorussia (BTRC)
  8. Bulgaria (BNT)- Victoria
  9. Cipro (CYBC)- Sandro
  10. Croazia (HRT)
  11. Danimarca (DR)
  12. Estonia (ERR)
  13. Finlandia (YLE)
  14. Francia (FT)
  15. Germania (ARD/NDR)
  16. Georgia (GPB)
  17. Grecia (ERT)
  18. Irlanda (RTE)
  19. Islanda (RUV)
  20. Israele (IPBC/KAN)
  21. Italia (RAI)
  22. Lettonia (LTV)
  23. Lituania (LRT)
  24. Macedonia del Nord (MKRTV)
  25. Malta (PBS)
  26. Moldavia (TRM)
  27. Norvegia (NRK)
  28. Paesi Bassi (AVROTROS)
  29. Polonia (TVP)
  30. Portogallo (RTP)
  31. Regno Unito (BBC)
  32. Repubblica Ceca (CT)
  33. Romania (TVR)
  34. Russia (Channel One)
  35. San Marino (RTV)
  36. Serbia (RTS)
  37. Slovenia (RTVSLO)
  38. Spagna (TVE)- Blas Cantò
  39. Svezia (SVT)
  40. Svizzera (SRG SSR)
  41. Ucraina (UA:PBC)

Ufficiale anche il tema grafico che accompagna lo slogan Open Up, è di forma circolare e rappresenta tutte le bandiere dei paesi in concorso. Un logo che prosegue nella tradizione di quelli rotondi presenti in ognuna delle edizioni ospitate in terra olandese.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: