Ancora altri dieci (più una) artisti in rampa di lancio nella scena musicale italiana

Dopo le prime dieci segnalazioni della scorsa estate e le dieci precedenti, nuovo giro con alcuni nomi emergenti del panorama musicale italiano. Sono undici, non dieci, stavolta, perchè dedichiamo la bonus track al fenomeno musicale italiano di queste settimane. Allacciate le cinture e alzate il volume delle casse, si parte.

Ceri

Stefano Ceri ha debuttato come solista a 28 anni dopo aver accompagnato artisti come Frah Quintale, Coez e Salmo. Si mescolano il pop il rap e l’elettronica: sonorità moderne ed internazionale, si sente l’esperienza di chi lavora da anni al fianco di artisti rodati. “Bimba mia” è il suo esordio, ma ascoltate anche “Indianapolis“, interamente strumentale.

See Maw

Elettronica potente, ma allo stesso tempo rarefatta. See Maw, milanese, 24 anni, è uno dei nomi più interessanti della scena indie attuale. Un Ep alle spalle, anche lui della etichetta Undamento come Ceri. Nasce su youtube e si fa rapidamente largo nei circuiti alternativi. Ma non solo in quelli. “Basta Feste” è  una delle cose da ascoltare. Ma la cosa migliore è questo brano che lui ha dedicato alla sua città natale.

Lilo

Laura Pizzoli, in arte Lilo, si propone nel mainstream dopo un passaggio nello spazio New Generation di MTV che ha contribuito a farla conoscere ed è è recentemente passata alle produzioni in italiano dopo gli esordi in inglese.  “Luce ovunque” la propone con una power ballad dal sapore internazionale, ma “Questa stanza” è ancora migliore.

Federico Secondomè

Federico Sambugaro Baldini aka Federico Secondomè, è un produttore, cantante e cantautore italiano. Dopo 10 anni di studi accademici in violino e performance live tra Italia e Austria, ha deciso di dare un cambio radicale alla sua produzione, passando all’elettronica ed al pop radiofonico indipendente. Dal 2014 fa tutto da solo ed i risultati sono interessanti. LXXX ha tutti i crismi dell’indie attuale, ma occhio anche a “15 minuti”.

Nahaze

Natalie Hazel, in arte Nahaze, è in rapida ascesa. L’artista anglo-italiana è passata in breve tempo dall’anonimato ad un contratto con la Elektra Records, etichetta del gruppo Warner, prima italiana sotto contratto. E subito sono fioccate collaborazioni di livello, come questa con Achille Lauro nel singolo d’esordio ‘Carillon‘. Sta facendo rapidamente il giro delle radio nazionali e c’è da credere che non tarderà il successo, visto anche che le sonorità strizzano l’occhio a Billie Eilish.

 

Spinelli

Marco Spinelli, siciliano classe 1995, va a tutto pop. Comincia su youtube e piano piano arriva alle produzioni indipendenti, scegliendo le sonorità radiofoniche e melodie molto orecchiabili. Anche il video è opera sua: ha realizzato un casting per 35 ragazze, convinte di essere selezionate per partecipare successivamente a un videoclip. E invece, il video è stato realizzato proprio con le riprese dei casting, e con le ragazze inconsapevoli della parte che avrebbero dovuto recitare. Da ascoltare anche ‘Non ti vedo più”

Tutti fenomeni

Tutti fenomeni, al secolo Giorgio Quarzo Guarascio ha esordito con album spettacolare dal titolo ‘Merce funebre’ con un brano più bello dell’altro. Testi pieni d’ironia per questo ventiquattrenne romano: “Voglio incidere solo dischi brutti, così sono certo di piacere a tutti“, canta in ‘Valori aggiunti”. Ma vi consiglio anche l’ascolto di ‘Rejkyavik“. Impossibile stare fermo di fronte al suo sound elettronico.

 

Lil Jolie

Angela Ciancio, in arte Lil Jolie per quella somiglianza evidente con l’attrice americana, ha 20 anni ed è lanciatissima. “Farsi male” è un brano che entra in pieno nel mood indie, sospeso fra la pop e la trap. Testi non scontati, melodie non immediate ma interessanti, voce matura per l’età. Anche lei sotto contratto Warner, consiglio all’ascolto anche “Tornerai“.

Cane sulla luna

Nicola Pressi viene da una lunghissima esperienza nella scena indie rock con il gruppo Il Branco. Ora il cantautore ternano ha deciso di lanciarsi in un progetto chiamato Cane sulla luna,  definito “Cantautorale elettronico performativo”. Con lui anche Leonardo Luciani e Cristiano Carotti, non solo musicista ma anche attore, scultore e videomaker. Li abbiamo visti a Musicultura 2019. “Dateci le brioches” è l’esordio del progetto.

Cogito

Da Musicultura 2020 ecco invece il veneziano Cogito, classe 1998. Synthpop, psichedelia e testi interessanti, sta scalando nelle classifiche di gradimento anche grazie ai tantissimi ascolti su spotify. Un Ep all’attivo, dal titolo ‘Come va’?” ed una carriera cominciata giovanissimo, già sei anni fa. Merita un ascolto anche ‘Molotov’

Anna

Non potevamo chiudere con una bonus track di livello. Anna Pepe, 16 anni, di La Spezia, è la più giovane numero uno di sempre delle classifiche italiane. “Bando” (anzi, Béndo, perché derivato dalle «abandoned houses» americane ) è un brano dal beat trascinante, che in pochissimo tempo è entrato di prepotenza nel mainstream ed oggi è suonato da tutte le radio. Il rap al femminile manca, se saprà confermarsi sarà uno dei nomi del futuro.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cattolico, cittadino d'Europa, sinceramente Liberaldemocratico. Già speaker radiofonico. Ha scritto e scrive di cronaca, sport, religione e sociale per giornali nazionali e locali per vivere; scrive di musica su siti e blog per sopravvivere.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: