MTV Europe Music Awards 2020: ecco le nominations per i premi ‘europei (e non solo)

  • Staff
  • 10 Ottobre 2020
  • Commenti disabilitati su MTV Europe Music Awards 2020: ecco le nominations per i premi ‘europei (e non solo)

Ufficiali le  le nominations per l’edizione 2020 degli MTV Europe Music Awards, i premi musicali organizzati dall’emittente multinazionale MTV e che quest’anno saranno assegnati – viste le restrizioni per la pandemia da Coronavirus – con una cerimonia online in programma il prossimo 8 novembre. Grandi battaglie nelle sezioni regionali, per aree linguistiche o per paesi, mentre come al solito  briciole o poco altro per gli artisti europei nelle nomination internazionali con gli artisti non di madrelingua inglese presenti solo nella categoria Best Electronic. La nuova categoria istituita, quella dei latini prevede infatti in corsa tutti artisti latino-centroamericani.
Gli artisti europei in nomination per i premi internazionali sono:

Dua Lipa (GBR, Best song per “Don’t Start now”, Best Pop e Best Artist)
Harry Styles (GBR, Best Artist)
Sam Smith (GBR, Best collaboration per “I’m ready” con Demi Lovato e Best Pop)
Yungblud (GBR, Best New e Best Push)
Calvin Harris (GBR, Best Electronic)
David Guetta (FRA, Best Electronic e Best Video for Good per “I love me” con Demi Lovato)
Kygo (NOR, Best Electronic)
Martin Garrix (NED, Best Electronic)
Coldplay (GBR, Best Rock)
Liam Gallagher (GBR, Best Rock)
FKA Twiggs (GBR, Best Alternative)
Little Mix (GBR, Best Virtual Live)
Georgia (GBR, Best Push)
Jorja Smith (GBR, Best Video for Good per “By any means”)

GUARDA LA LISTA COMPLETA DELLE NOMINATIONS INTERNAZIONALI

NOMINATIONS PREMI REGIONALI EUROPEI:

Per quanto riguarda il Best Italian Act, Diodato, vincitore del Festival di Sanremo con “Fai rumore” e designato rappresentante italiano per l’Eurovision 2020 poi cancellato dalla pandemia, è il grande favorito per il Best Italian act al termine di una annata che lo ha visto vincere anche il David di Donatello ed ottenere anche grande gradimento internazionale pur di fatto senza il concorso vero e proprio. Dovrà vedersela con Elettra Lamborghini, Levante, Irama ed il rapper Random. Votazioni per l’Italia aperte a questo link.

REGNO UNITO: Sarà sfida grandi firme fra Dua Lipa, Harry Styles, Stormzy e le Little Mix. Più indietro il rapper Dave

BEST NORDIC ACT: Tre grandi nomi,  vale a dire la svedese Zara Larsson, la finlandese Alma ed il dj norvegese Kygo contro i due fenomeni della Danimarca, i rapper Gilli e Branco

BEST GERMAN ACT: Anche qui molto rap con Apache 207, grande protagonista delle classifiche che parte lanciatissimo e sfida Shirin David. Attenzione però a Nico Santos, che viene da un anno di grande livello. Poi due emergenti, Lea e Fynn Kliemann

BEST SWISS ACT: Il rapper Bligg, che canta in schwitzerdutsch sfida la grande favorita Loredana, artista di origine kosovara molto controversa ma che ha dalla sua una lunga scia di successi discografici, della quale avevamo parlato qui.

BEST BELGIAN ACT: Non dovrebbe esserci partita, con Angèle che si avvia con ogni probabilità a vincere di nuovo. L’unico avversario vero è il dj Lost Frequencies. Poi sono in gara il rapper Blackwave, il vincitore di The Voice Fiandre 2019 IBE e la cantautrice Olivia Trappeniers, in arte OT

BEST DUTCH ACTDavina Michelle è la grande favorita, come nome emergente della musica olandese, noi ce n’eravamo occupati. Contro di lei Emma Heesters, esplosa su youtube con una serie di cover, il rapper Bilal Wahib e il talento sino-olandese Thabita.

BEST FRENCH ACT. Una sfida fra grandi firme, ma Vitaa e Slimane, dopo aver vinto quasi tutto ed essere stati lungamente in testa sia col singolo che con l’album, partono favoritissimi. Dovranno guardarsi da Aya Nakamura, altra regina delle charts e Soprano. Più indietro Maitre Gims e M Pokora.

BEST SPANISH ACT: Sfida interessante in Spagna, dove Aitana, grande protagonista delle selezioni eurovisive spagnole 2018, insieme con Ana Guerra e poi delle charts, è in corsa al termine di una annata  vissuta da protagonista, con altri due dischi d’oro, dopo un 2019 da autentica regina. Parte da favorita contro Leiva, l’artista di reggaeton Don Patricio,  la indie rock band dei Carolina Durante ed i La La Love you, band che gli eurofans più appassionati ricorderanno in gara alle selezioni spagnole 2009 con il rock “Dame un beso”. e recentemente rilanciati dalla rete.

BEST PORTUGUESE ACT: Sarà probabilmente corsa a due fra i maggiori protagonisti delle classifiche ovvero Fernando Daniel, il cui ultimo album ha da poco lasciato il numero 1 delle charts e Diogo Piçarra, dominatore assoluto della scena musicale lusitana recente. Sfideranno Dino D’Santiago, dj e producer, Barbara Bandeira ed il rapper Bispo.

BEST POLISH ACT. Margaret, nome già noto alle classifiche europee ed anche italiane, dovrà vedersela con tre protagonisti attuali delle classifiche come Daria Zawialow, il rapper Quebonafide e l’esordiente sanah, cinque dischi di platino con due soli singoli. In corsa anche Krzystof Zalewski.

BEST HUNGARIAN ACT In Ungheria ritroviamo ByeAlexin gara nel 2013 con “Kedvesem” che sfiderà Irie Maffia,  Viktoria Metzker,  Dzsúdló e Carson Coma.

BEST RUSSIAN ACT: In Russia, dove di solito questo premio è indicatore delle nuove tendenze, i Cream Soda, protagonisti di una dance virale nel corso della quarantena, il rapper Morgenshtern, Niletto, Klava Coca e Manizha, artista tagika di origine persiana che mescola il pop al sound mediorientale.

BEST ISRAELI ACT: La grande favorita è ancora Noa Kirel, detentrice del premio, che ha vinto tre volte negli ultimi tre anni ed esponente della trap in versione mediorientale, il nome nuovo Eden Hason, Noga Erez, artista EDM a tratti sperimentale che si esibisce in inglese e  il duo Noroz & Boi Ecchi.

EXTRAEUROPEI

Fra le nomination dei premi extraeuropei, il Best African Act sembra destinato a finire in Kenya per la superhit internazionale “Jerusalema” di Master KG ft Nomcebo Zikode, il cui unico vero avversario dovrebbe essere quel Burna Boy, dj nigeriano che dello stesso brano ha fatto un remix di altrettanto successo. In Nuova Zelanda favoritissimo il diciassettenne dj e producer Jawsh 685, la cui hit di esordio “Savage love”, a cui partecipa Jason Derulo è prima in 15 paesi nel mondo. Unica vera rivale Benee, in corsa anche come miglior esordiente.

Anitta – quest’estate protagonista anche in Italia con Fred De Palma – e la drag queen Pabllo Vittar si giocano il premio in Brasile mentre sul fronte dell centroamerica latina sarà sfida a colpi di reggaton fra J Balvin, Maluma e Karol G. Infine merita una menzione la cinquina di big al femminile in corsa per il premio Usa: Lady Gaga, Cardi B, Megan Thee Stallion, Myley Cyrus e Taylor Swfit.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: