All Together Now, terza puntata: lo show non decolla. Eliminata Claudia Ciccateri

Terzo live di All Together Now: lo show non cresce, non ci sono voci particolarmente originali, quasi niente di spendibile a livello discografico. Quasi tutti bravi e sicuramente validi di fronte ad una platea, ma fuori dal contesto dello spettacolo dal vivo non sarà facile per nessuno. Esce Claudia Ciccateri, 18 anni, tradita dall’emozione e da un muro che l’ha penalizzata oltremodo, ma anche Beatrice Baldaccini, che si salva è destinata a non andare lontanissimo.

PRIMA MANCHE

DOMENICO IERVOLINO- Crazy degli Gnars Barkley: Ancora una volta non sembra impressionare più di tanto. Leggero, pochissimo emozionale, sembra un karaoke fatto bene, ma pur sempre un karaoke. MURO 84 la giuria è discordante. Chiude a 82.

CLAUDIA CICCATERI- Ciclone di Takagi & Ketra ft Elodie e Mariah.  Convincente, riesce a rendere nel modo giusto un pezzo molto scanzonato come quello di Elodie, che in questi concorsi è sempre un rischio. Parte col Bonus, ma il muro non gradisce MURO 40 +10. Si arriva a 65 coi giudici.

GLI AMABILI– Vivo per lei di Andrea Bocelli e Giorgia. C’è una differenza di tecnica e vocalità evidente fra loro ma compensano con una notevole alchimia che deriva loro anche dal fatto di essere una coppia affiatatissima nella vita. MURO 85, arrivano a 95.

SILVIA RITA IANNONEAmore disperato di Nada. Divertente, il pezzo è nelle sue corde e si vede che le piace cantarlo. Ma è un’esibizione complessivamente debole, senza niente che la faccia spiccare. MURO 70, resta su questo punteggio.

SAVIO VURCHIO-Da ya think I’m sexy di Rod Stewart. Vale quanto già detto altre volte. Canta bene, l’esperienza si sente. Ma è tutto un po’ lontano dal sound attuale e sembra più un artista da eventi che da concorsi. Mi resta difficile pensarlo nella discografia odierna, ma è senz’altro bravo. MURO 94. Arriva 100 e prende il Bonus.

SECONDA MANCHE

KAM “EKI” CAHAYADI– Love never felt so good di Micheal Jackson & Justin Timberlake. Parte col Bonus. Non è mai uscito dalla comfort zone, continua a restarci ed a me continua a sembrare un clone di Bruno Mars. MURO 98. Arriva a 100.

DALILA CAVALERA- Sally di Vasco Rossi. Parte col Bonus. Rischia tutto affrontando un pezzo classico che molti rifanno nelle cover. Riesce a non restarci incastrata dentro ed è molto. Ha un timbro forte e caldo, è la più centrata e la più pronta. MURO 94, arriva a 100.

ALESSIO SELVAGGIO – Bella senz’anima di Riccardo Cocciante. L’arrangiamento che lo rende quasi un pezzo EDM  è francamente da arresto. L’operazione è fatta per rendere fresco il modo di cantare molto antico di Selvaggio ma finisce solo per dare un senso di straniamento. Lui canta bene eh, sia chiaro, però insomma. MURO 75. Chiude a 83.

BEATRICE BALDACCINI –I’m outta love di Anastacia. All’inizio sembra quasi imitare l’artista originale, a tratti strilla. Per il resto l’esperienza nel controllo della voce si sente. Meglio della volta scorsa, ma non benissimo. MURO 70, chiude a 75.

ANTONIO MARINO – Accetto miracoli di Tiziano Ferro. Parte col Bonus. Si confronta con un pezzo recente, che è sempre una scelta coraggiosa perchè l’orginale è ancora in testa, ancora di più poi è difficile il confronto con Ferro.  Lui ci sta dentro sempre, ma anche qui siamo nella sua comfort zone. Fuori tempo all’inizio. MURO 99, vola a 100.

BALLOTTAGGIO

CLAUDIA CICCATERI (Fireworks di Katy Perry) vs BEATRICE BALDACCINI (Iris dei Goo Goo Dolls): Vanno piuttosto male entrambe, una strillava troppo ed era presa dall’emozione, l’altra andava a fasi alterne. Giudici divisi, il muro vota 45-55 per Beatrice Baldaccini.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cattolico, cittadino d'Europa, sinceramente Liberaldemocratico. Già speaker radiofonico. Ha scritto e scrive di cronaca, sport, religione e sociale per giornali nazionali e locali per vivere; scrive di musica su siti e blog per sopravvivere.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: