“Believe me” dei Lordi anticipa 7 album, ciascuno con un sound diverso

I Lordi non finiscono mai di stupire. La band metal finlandese, vincitrice dell’Eurovision 2006 con “Hard rock Hallelujah”, marcando il primo ed unico trionfo del loro Paese nella rassegna stanno per uscire – precisamente lo faranno il 26  novembre – con “Lordiversity”, un cofanetto (ovviamente anche digitale) che comprende 7 – leggasi sette – album inediti tutti insieme, per un totale di 78 canzoni.

Non solo. Saranno sette album ciascuno in uno stile musicale diverso. Per esempio, nel singolo appena uscito “Believe me“, abbiamo i Lordi che si trasformano nei Bee Gees e ci riportano in piena disco dance anni 70. Siamo sulle atmosfere di “Saturday night fever” o dei Kiss e voi immaginatevi solo la scena di una punk band che si esibisce con costumi da mostro e suona un pezzo da dancefloor riempipista con testo d’amore. A parte la bellezza del singolo, è geniale solo l’idea.

Nello specifico, il brano fa parte di “Superflytrap“. Gli altri sono “Skelectric Dinosaur”,The Masterbeast from the Moon”,Abusement Park”, “Humanimals”, “Abracadaver”, “Spooky Sextravaganza Spectacular”.

Mr. Lordi parla del progetto, partendo dal precedente lavoro, che presentava brani sempre  brani glam metal, ma su sonorità anni 70-90:

“Quando il ‘Killectour‘ è stato interrotto nel marzo 2020, ho capito che avremmo dovuto utilizzare in qualche modo il tempo libero che avevamo. Era chiaro che era il momento di iniziare a pianificare il nuovo album, anche se ‘Killection‘ era stato pubblicato nemmeno due mesi prima. Pensavo che la cosa più noiosa che avremmo potuto fare dopo ‘Killection‘ fosse registrare un altro semplice album. Mi piacevano moltissimo i diversi stili di composizione, registrazione e produzione che abbiamo usato su ‘Killection‘. Un’altra idea noiosa sarebbe stata quella di fare una parte 2 di quel disco.

E svela un altro curioso retroscena:

“Dato che ‘Killection‘ è una raccolta fittizia, tratta da un catalogo fittizio che di fatto non esiste, ho avuto l’idea che l’unica cosa che potrebbe superare quel lavoro, sarebbe stato registrare e pubblicare quel catalogo a posteriori. Quindi ad Halloween 2021 il catalogo fittizio non sarà più fittizio ma esisterà veramente… almeno per la maggior parte. La mia idea originale era di pubblicare 10 album, ma l’etichetta ha detto che era da pazzi. Sette album invece hanno ritenuto che fossero più ‘normali

Quindi, al posto di pubblicare solo l’undicesimo album in studio dei Lordi, pubblicheremo anche il dodicesimo, il tredicesimo, il quattordicesimo, il quindicesimo, il sedicesimo e il diciassettesimo. Quale altra rock band ha fatto una cosa del genere prima? La risposta è: nessuna. Gli album avranno tutti un sound diverso l’uno dall’altro, stili diversi ed epoche immaginarie che ricalcheranno la timeline di ‘Killection

Non resta che attendere l’uscita di questo progetto che si preannuncia decisamente originale ed interessante. La partenza, intanto, è fortissima.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cattolico, cittadino d'Europa, sinceramente Liberaldemocratico. Già speaker radiofonico. Ha scritto e scrive di cronaca, sport, economia e sociale per giornali nazionali e locali per vivere; scrive di musica su siti e blog per sopravvivere.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: