Music Europe Day 2022: dalle 19 il grande concerto in streaming per la Festa dell’Europa

La Giornata dell’Europa, che si svolge ogni anno il 9 maggio, celebra la pace e l’unità in Europa. La data segna l’anniversario della storica dichiarazione in cui l’allora ministro degli Esteri francese Robert Schuman espose l’idea di una nuova forma di collaborazione politica in Europa, che avrebbe reso impensabile la guerra tra le nazioni europee. La proposta di Schuman è considerata l’atto di nascita di quella che oggi è l’Unione europea.

Ogni anno in questa data il Consiglio dell’Unione Europea organizza il Music Europe Day in questa data. Un evento on line, inserito in una serie di altri 7 concerti onsite in giro per l’Europa durante l’anno, che propone 15 giovani talenti emergenti da tutto il Continente.  L’evento, che inizia alle ore 19, sarà fruibile online a questo link: non solo 15 mini concerti, ma anche interviste inedite.

Dopo il salto, la line-up di quest’anno.

Porto Morto (Croazia)

L’alternative rock band capitanata da Darko Rudek è uno dei nomi prominenti della scena indie dell’Europa dell’Est. Da solista autoprodotto a band di 7 elementi che oggi ha due album all’attivo ed un ottimo successo di critica.

Claire Laffut (Belgio)

Di questa cantautrice avevamo già parlato, così come dei suoi pezzi molto orecchiabili. Ex modella, disegnatrice, recentemente ha curato i video di Angéle ed intanto continua a fare dell’ottimo pop in lingua francese.

Denise Chaila (Irlanda)

Recentemente premiata ai Music Moves Europe Talent Awards, Denise Chaila è il nome nuovo dell’hip hop europeo. Tenetela d’occhio perchè sta arrivando nelle radio del Continente.

Emma Peters (Francia)

L’abbiamo citata qualche giorno fa nelle playlist di Spotify, è una giovanissima cantautrice che ha da poco pubblicato il primo album dal titolo “Dimanche” ed è in altissima rotazione nelle radio francesi. Destinata ad essere uno dei nomi prominenti del pop francofono a brevissimo.

Fo-Sho (Ucraina)

Sulle orme di Alyona Alyona, anch’essa vincitrice ai Music Moves Europe Talent Awards, le Fo-Sho non solo fanno hip hop in ucraino ed in inglese, ma sono anche un esempio del lato multietnico di un Paese che lotta per la propria libertà, essendo loro tre sorelle nate in Ucraina da famiglia etiope.

Joan Thiele (Italia)

Di lei qui s’era parlato in tempi non sospetti. Anglo-italiana, è uno dei pochissimi nomi veramente internazionali della nostra scena indie-pop.

Thom Artway (Repubblica Ceca)

Altro nome di cui qui s’era già parlato, ormai non è più un esordiente ma un nome consolidato, con diverse cose interessanti all’attivo. Da busker ad artista di successo. Un bel salto.

Freekind (Slovenia)

La pianista e cantante croata Sara Ester Gredelj e la batterista slovena Nina Korošak Serčič si sono incontrate all’Università di Graz e condividono la passione per i groove neosoul, R&B e hip hop jazz. Nel 2019 hanno formato questo interessante duo, che si è già esibito anche in Canada.

Good Job Nicky (Grecia)

Good Job Nicky è un nome emergente della scena indie greca, che è esploso nel 2020 con le sue sonorità che mescolano pop r’n’b ed elettronica

Mafalda (Spagna)

La scena elettronica, pop ed hip hop propone Mafalda, che proprio di recente è arrivata al mainstream col primo EP “Bailando Sin Sentido”.

Oska (Austria)

Altro nome nuovissimo della scena musicale europea è quello dell’austriaca Oska, un EP all’attivo, che col suo pop delicato, radiofonico e romantico, ha rapidamente conquistato pubblico e critica.

Plasi (Svezia)

Poco noto alla scena europea, Plasi è un cantautore svedese di origini greche, con due EP all’attivo che mescolano pop, folk e tanto altro.

Wet Bed Gang (Portogallo)

Gson, Zara G, Kroa and Zizzy Jr. sono Wet Bed Gang, una crew hip hop che propone una nuova tendenza delle attuali charts lusitane, appunto questo tipo di sonorità. Attivi già da qualche anno, ma primo lavoro completo solo del 2021.

WizTheMC (Germania)

Nato a Città del Capo in Sudafrica, cresciuto in Germania ed in Canada, è uno dei giovani più interessanti della nuova scena tedesca. Ne riparleremo presto.

Zimbru (Romania)

La scena rock è quasi del tutto sconosciuta al mainstream europeo e loro sono l’occasione per scoprirlo. Presto ne riparleremo, ma intanto è l’occasione per ascoltarli.

 

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cattolico, cittadino d'Europa, sinceramente Liberaldemocratico. Già speaker radiofonico. Ha scritto e scrive di cronaca, sport, economia e sociale per giornali nazionali e locali per vivere; scrive di musica su siti e blog per sopravvivere.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: