Battiti Live 2022, il racconto della prima serata live da Bari

Al via l’edizione numero 20 di Battiti Live. Prime due serate da Bari, Lungomare Imperatore Augusto. Sul palco come sempre il direttore di Radio Norba Alan Palmieri ed una come sempre scintillante  Elisabetta Gregoraci, con Maria Sole Pollio in platea. L’evento in diretta su Radio Norba, Radio Norba TV e Telenorba arriverà come sempre a luglio su Italia 1.

Primo blocco

Si parte con “La Dolce vita”: sul palco Fedez, Tananai e Mara Sattei. In rigoroso playback che Mara Sattei riesce a sbagliare per ben due volte. Record mondiale. Il pezzo però è indubbiamente fortissimo. Poi Fedez da solo ripropone “Bimbi per strada”, che campiona “Children” del compianto Robert Miles.

Segue “Tropicana”, la nuova hit estiva targata Boomdabash, stavolta insieme ad Annalisa.  Il pezzo è meno forte di altri, ma complessivamente c’è da dire che la crew salentina è fra le poche che sa fare tormentoni estivi senza stancare. Sul palco però sono soltanto in due e salutano sul palco gli assenti.

“Tienimi stanotte”, del vincitore di Amici Luigi Strangis. Il pezzo è imbarazzante, anche se le ragazzine in prima fila lo cantano tutte a squarciagola. Meglio rifarsi le orecchie con Francesco Gabbani che esegue “Peace and love” e “Volevamo solo essere felici”. C’è una lunga attesa prima che parta, dovuta al fatto che lui canta live e gli strumenti vanno collegati. La differenza nel sound e soprattutto nei testi, che contengono persino  citazioni di poesie famose, con Strangis è imbarazzante. Ma Strangis è primo in classifica….

Segue collegamento con Cisternino, dove Noemi canta “Ti amo non lo dire”, brano di Sanremo 2022.

Secondo blocco

Rocco Hunt ed Elettra Lamborghini (e senza Lola Indigo) con “Caramello”. Tutto il peggio del reggaeton in un solo fastidiosissimo pezzo. Con l’aggiunta del fatto che la Lamborghini non fa nemmeno finta di cantare, la bocca resta persino chiusa. Con “Quando ti vedo mi manca l’aria, è caramello non è cioccolata“, si è raschiato il fondo del barile.  Poi cantano a turno un medley delle rispettive hit.

A seguire il ritorno di Tananai, col brano di Sanremo, “Sesso occasionale”, un pezzo fortissimo affossato dalla sua tremenda performance live e che infatti su disco -come viene proposto – rende tantissimo.

Con qualche intoppo nell’annuncio, forse dovuto a probabili tagli per la differita di Italia 1, si va a Ceglie Messapica, dove La Rappresentante di Lista cantano “Ciao ciao”.

Terzo blocco

Si riparte con Gabry Ponte che fa ballare anche i muri: dj set di grandissimo livello, c’è il nuovo singolo “The Feeling” e anche il remix di “Dove si balla” di Dargen D’Amico. Meriterebbe mezzora da solo. Quindi di nuovo Francesco Gabbani con “Occidentali’s Karma”, sempre live davvero.

Arrivano poi i due conduttori che cantano – si fa per dire – “Kalispera”. La trovate qui sopra. Vabbè. Poi, siccome non bastavano Elettra Lamborghini e Rocco Hunt, altra infornata di reggaeton con Fred De Palma e il nuovo singolo “Extasi”. Che forse è la cosa più brutta che abbia mai inciso. Anzi, senza forse. Subito dopo, ecco “Romance”.

Quarto blocco

Ad aprire il quarto blocco è Luigi Strangis, che torna con “Muro”. Niente di originale, tutt’altro. Tocca poi ad una Baby K inedita, in collaborazione con Mika e Dardust, con un pezzo fortissimo, “Bolero” ed una veste inedita. Lei è sempre bellissima. Segue “Non mi basta più”.

Poi tocca ad Aka7even col terribile pezzo di Sanremo “Perfetta così” e poi “Loca”. Nuovo collegamento con Cisternino per Noemi e “Glicine”.

Quinto blocco

Tocca al cantautore nocerino Coez aprire il nuovo blocco. Il suo crossover è sempre molto interessante, i suoi testi anche e la nuova “Essere liberi” non si smentisce, pur non essendo la sua migliore produzione. A seguire l’ottima “La musica non c’è”. Fra l’altro canta live, uno dei pochi.

Seguono The Kolors. Non sono mai stato un loro fan, ma riconosco loro che sanno fare musica molto bene e dal passaggio a Sanremo sono molto migliorati. Anche qui si attende, perchè suonano live. Medley dei successi che comincia con “Pensare male”, poi il nuovo “Blackout”, “Cabriolet, panorama” e la mitica “Everytime”. Grandissima energia, va detto. Stasera fra i migliori.

Ancora reggaeton con un medley delle hit di Boro Boro. Festival dell’autotune, che a confronto Fasma canta live. Inascoltabile ad ogni latitudine.

Sesto blocco

Mr.Rain con un medley delle sue canzoni. Fra i rapper è uno di quelli che scrive meglio ed anche il suo flow melodico si fa molto apprezzare. Però per fortuna la Fimi ha rialzato le certificazioni, rendendole più difficili, perchè era diventato troppo facile. Nell’ultimo pezzo c’è Alfa, cantautore genovese a cui poi dà il cambio: “You make me so happy”, è fresca e godibilissima, come molte delle sue cose.

Di nuovo a Ceglie Messapica con La Rappresentante di Lista e “Amare”. Chiusura con Matteo Romano con “Tramontana” e poi “Virale”. Questo ragazzo dalla faccia pulita è proprio bravo. Bel finale. Anzi no, non annunciato, chiude Alex di Amici con “Non siamo soli” “Sogni al cielo”. Che visto il livello dei pezzi -ch suonerebbero vecchia nel 1994-  e che è l’una di notte, diremmo per fortuna. Domani si bissa da Bari.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cattolico, cittadino d'Europa, sinceramente Liberaldemocratico. Già speaker radiofonico. Ha scritto e scrive di cronaca, sport, economia e sociale per giornali nazionali e locali per vivere; scrive di musica su siti e blog per sopravvivere.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: