X Factor 2023, primo live: eliminati Animaux Formidables. Novità ripescaggio

Scoppiettante primo live di X Factor. Sarafine migliore della serata, con la versione EDM dell’aria Habanera dalla Carmen di Bizet, mentre Gaetano De Caro e Angelica emozionano con le loro performance vocali, pur in presenza di arrangiamenti ben diversi. Il ballottaggio elimina il duo mascherato degli Animaux Formidables che paga l’eccesso di autotune. Si salva Asia Leva, che pure non ha convinto.

La grande novità dell’edizione è il ripescaggio: aperto il televoto per un ballottaggio fra due artisti che il pubblico voterà sui social del talent show fra quattro eliminati nelle tornate precedenti ovvero Alice Barbara Tombola, Astromare, Anna Castiglia e Manifesto. I due più votati si esibiranno giovedì per un posto nei live, nella squadra di Morgan che ha perso un artista.

Prima Manche

TEAM AMBRA

Matteo Alieno (Bellissima di Annalisa): Riccardo Cocciante che canta Annalisa. La canta bene, ma quanto possono funzionare cose così? Come ha sottolineato bene Fedez, il cambio melodico non migliora l’originale.

TEAM DARGEN:

Ilsolitodandy (La canzone dei vecchi amanti di Fabrizio De Andrè): Eseguito nella versione di Battiato, la fa bene, anche nella parte in francese.  Molto teatrale, come si di suo consueto. Da verificare su pezzi pop.

TEAM FEDEZ:

Maria Tomba (Diavolo in me di Zucchero): Non amo particolarmente le urla a casaccio dentro le canzoni. L’arrangiamento di questo pezzo – quello della versione di Salmo – è tremendo. Lei è troppo sopra le righe.

Sarafine (Habanera dalla Carmen di Bizet): Canta in francese l’arrangiamento elettronico della grande aria d’opera. Dubstep a manetta in crossover con la musica classica. Una delle cose migliori sentite ad X Factor da sempre. Fuoriclasse.

TEAM MORGAN:

SickTeens (Helter Skelter dei Beatles): Una stecca subito per cominciare. L’arrangiamento è così così e loro non sembrano molto a loro agio su canzoni di un’epoca che hanno detto di non conoscere musicalmente quasi per niente.

Animaux Formidables (I love rock and roll degli Arrows): Francamente è tutto molto disturbante, a partire dall’autotune a manetta che in un talent show è una bestemmia, per proseguire con la batteria fuori tempo. Poi hanno sbagliato l’attacco. Si fa fatica a trovare qualcosa che abbia funzionato. Vanno giustamente al ballottaggio

 

Seconda Manche

TEAM AMBRA

Gaetano De Rosa (La mente torna di MIna): L’arrangiamento del brano non è bellissimo, ma rende tutto molto intenso. La sua voce, capace di raggiungere una scala molto alta e anche molto bassa, fa il resto. Oltretutto fare un pezzo di Mina è sempre una grande sfida. Grande favorito per la vittoria finale.

Angelica (Nothing Compares 2 U di Sinead O’Connor): Intensa quasi come l’originale, che si portava dentro tutta la sofferenza. Non facile per una cantante che ha appena 19 anni. Intonata come una spada.

TEAM DARGEN:

Andrea Settembre (Stavo pensando a te di Fabri Fibra): Interessante la trasformazione in napoletano di questo brano di dei padri del rap italiano. Nel suo genere, convince. Tiene bene il palco e potrebbe aprire una scena quasi inedita per il mainstream. “Fabri Fibra scrive benissimo”, anche no, però.

Stunt Pilots (How will I Know di Witheney Houston): Non mi piace per niente questo arrangiamento. Dopo i Maneskin la voglia di rendere rock qualunque cosa spadroneggia, ma è proprio quello che la band romana non faceva.

TEAM FEDEZ:

Asia Leva (Empire state of mind di Jaay Z ft Alicia Keys): Sin qui abbiamo visto una brava cosplayer delle rapper americane. Attendiamo con ansia di scoprire come rappa Asia Leva, senza attingere troppo dagli altri. Anche le barre in italiano, non aggiungono niente alla prova. Ballottaggio.

TEAM MORGAN:

 Selmi (Parole che si dicono di Ivano Fossati): La capacità di fare sue le canzoni con l’interpretazione supera anche forse una timbrica non brillante. La canzone non era facile ma lui la doma molto bene.

 

Ballottaggio

Animaux Formidables (Who Said dei Planet Funk) vs Asia Leva (I like it di Cardi B): Bene entrambi sui rispettivi cavalli di battaglia. Qui si tratta di scegliere chi meriti una seconda occasione e per me è Asia Leva.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cattolico, cittadino d'Europa, sinceramente Liberaldemocratico. Già speaker radiofonico. Ha scritto e scrive di cronaca, sport, economia e sociale per giornali nazionali e locali per vivere; scrive di musica su siti e blog per sopravvivere.

Potrebbero interessarti anche...