Il lato glamour di Eurovision 2017: le nostre pagelle agli outfits dei video

A commentare gli outfit dei cantanti alla finale dell’Eurovision Song Contest sono capaci tutti. I post sui look che sfoggiano nei video ufficiali, però, li facciamo solo noi. O magari no, ma avevo sempre sognato di dirlo. Insomma: il punto è che le tradizioni sono tradizioni, e quindi non avrei mai potuto risparmiarvi le mie ormai consuete pagellone (o classifiche, o commenti-da-pettegole-al-bar ) per prepararvi al lato più glamour del festival.

E vi dirò, allora, che quest’anno ho visto tantissimi choker. Ma proprio tanti. Li avete presente? Sono quei collari che si portano stretti attorno al collo per cui tutte impazzivamo negli anni ‘90. Ecco: aspettiamoceli in abbondanza anche sul palco, perchè sembrano essere diventati l’accessorio must have delle concorrenti femminili. Popolarissime anche le pellicce in tutte le varianti – sarà che a Kiev fa freddo – mentre sembra (finalmente!) calare la quota pailettes. L’elegante, in ogni caso, batte il casual, ed è una regola che in questo contesto continua a valere sia per lui che per lei.

Ma chi saranno, allora, i meglio vestiti in Ucraina? Se per quanto riguarda la musica i bookmaker danno favorito il nostro Gabbani (daje Francéééé) noi, dal lato moda, puntiamo tutto su Francia e Svezia. Eccovi, quindi, i giudizi completi, i video sono in sequenza a fondo post.

La francese Alma

DONNE: 

1. Francia – Voto 9: Mi spiace, milanesi, ma sembra che Parigi si sia ripresa il suo ruolo di Città della Moda. Look minimal, pantaloni stretch in pelle, giacca con spalle oversize in linea con i trend del momento: oltre ad interpretare una canzone piacevolmente orecchiabile, Alma non sfigurerebbe nemmeno come fashion blogger.

2. Georgia – Voto 7: Elegantissima nel tubino nero e molto ben truccata, rovina tutto con il trench 100% plastica del secondo look. Sul palco c’è da aspettarsi comunque molta classe da lei.

3. Azerbaigian – voto 7-:Tra jeans, giacca in pelle oversize, stivaletti e rossetto scuro, Dihaj punta su uno stile aggressive che riesce a convincere nonostante il revival sporty-spice (90s are back!) del giacchino adidas portato sopra la canotta bianca.

4. Paesi Bassi: Voto 7- Ah, ma quindi le girlband esistono ancora! Queste tre mi fanno letteralmente morire dal ridere quando girano la testa in perfetta sincronia, ma se parliamo di stile sono semplici ed efficaci. Il nero funziona sempre, ça va sans dire.

5. Belgio – Voto 6,5: Il look della belga è come la sua canzone: carino, ma senza strafare. Peccato per i pantaloni stile acqua alta in piazza San Marco (o lavaggio sbagliato)

6. UK – Voto 6,5: Ruffles, rete, trasparenze. Molto romantica e a suo modo trendy. Il vestito rosso della fine è stupendo.

7. Svizzera – Voto 6,5: Posso valutare solo l’abito nero? No, perchè è bellissimo. Lo voglio. Compratemelo. Peccato che l’altro, con tutte quelle (sigh!) pailette penalizzi l’impatto generale.

8. Germania – Voto 6: Mi piace il gioco di trasparenze sul nero. Decisamente molto meno la maglia a righe. In ogni caso è un bel passo avanti rispetto ai sandali con i calzini. O – se è per quello-  il manga vivente dell’edizione passata.

9. Macedonia – Voto 6: Stando alle sfilate, gli stivali alti sono uno dei mega-trend della prossima stagione, e i braccialetti sono indubbiamente molto belli. Al body rosso e alla pelliccia multicolor, io però preferisco lo scialle della signora anziana.

La britannica Lucie Jones

10. Albania – Voto 6-: Pur rischiando di andare contro ogni senso comune, giuro che sarei stata capace di dare 8 all’albanese solo in virtù dell’eccesso di collane oversize e della splendida irregolaritá del taglio dell’abito iniziale. Poi, però, mi è apparsa con quella specie di pancera piena di gemme che non c’entra assolutamente nulla con il resto del vestito. Dev’essere pure scomoda. Contenta lei.

11. Grecia  – Voto 5,5: La sposa in rosso, con tanto di coroncina. La scelta dell’abito è chiaramente finalizzata all’aspetto scenografico del video, ma se devo valutarlo in quanto outfit a sé stante non posso che considerarlo eccessivo. Per non parlare di quando ci aggiunge la pelliccia sul finale.

12. Finlandia –  Voto 5,5: I nordici si auto-stereotipizzano nelle ambientazioni cupe e i toni drammatici che ti aspetteresti solo da un popolo costretto a vivere con pochissime ore di luce. Dolcevita, cappottoni e cappucci la fanno da padrone per un senso generale di disagio e malinconia.

13. Danimarca – Voto 5,5: Il vestito da Principessa Disney, di per sé,  non sarebbe neanche brutto. Solo che le sta male. E non mi piace lo scollo a X.

14. Lituania – Voto 5: Ok che le sfilate dicono che andrá il monocromo dalla testa ai piedi, ma questa qui sembra un evidenziatore. Poi la cofana in testa. Io boh.

15. Serbia – Voto 5: Body in pelle, scalza, mantello bianco fluttuante. Per me è no. Poteva piuttosto farsi prestare la canotta della ballerina, che l’athleisure va un sacco.

16. Lettonia – Voto 5: Molto bella la fotografia del video dei Triana Park, in cui la frontwoman sfoggia un look con influenze etniche variegate che spaziano dall’indiano al giapponese. Veli, coroncine, fiori in testa e pellicciotti animalier sono, però, un po’ troppo per chiunque abbia un minimo di buon gusto.

17. Repubblica Ceca – Voto 5: Difficile valutare un video del genere dal punto di vista del look, dato che sono quasi tutti nudi. Posso solo dire che quelle canotte taglio laser sono comodissime.

18. Malta – Voto 4,5: É molto probabile che io mi confonda, ma se non ricordo male dalle scorse edizioni le maltesi sembrano amare particolarmente le mise da Principessa Disney. Claudia Faniello quest’anno non ha fatto eccezione e tra scolli generosissimi, veli, lustrini e modelli aderenti che penalizzerebbero anche una taglia 38 ci regala un kit da favoletta purtroppo completo.

19. Armenia – Voto 4: Abito lungo, intarsi di colore acceso, bracciali con veli attaccati alle maniche. Coreografico finchè vuoi, ma io in giro così non ci andrei mica.

20. Islanda – Voto 4: Io capisco che in islanda faccia troppo freddo per essere fashion (in effetti a me viene freddo giá solo a guardare il video); ma tra cappuccioni, giubbini oversize a prova di temperatura polare, orecchini giganti e top aderenti con fantasie di dubbio gusto, il look di questa tizia proprio non si può guardare.

21. Polonia – Senza Voto. É comprensibile che cerchiate di fare di tutto pur di sottrarvi al mio implacabile e spietato (?) giudizio, però non serve che vi presentiate tutti nudi nei video, eh.

Ilinca e Alex Florea, Romania

COPPIE:

1. San Marino – Voto 7,5: Lei è forse una tra le meglio vestite, nonostante le pailettes sulle spalline che però danno, in questo caso, un tocco disco al tubino nero. Lui, dal canto suo, non sfigura in giacca e total black. Se dovete andare a ballare il Sabato sera potete tranquillamente copiarne il look.

2. Estonia – Voto 7: C’è veramente un sacco d’Italia quest’anno all’Eurovision: Gabbani, la canzone parzialmente in italiano del croato, le origini triestine dell’austriaco… e, dulcis in fundo, pure gli estoni che cantano Verona! Lei è impeccabile tra smokey eyes, trasparenze e spalla scoperta. Lui ne è la dignitosa controparte in shirt e giubbino.

3. Bielorussia – Voto 5,5: Questi sono strani forte: appena li vedi ti sembrano improponibili, ma poi più li guardi e più scopri dettagli piacevoli del look. Gli stivali e il cardigan di montone di lei, ad esempio, non sono affatto male. É l’insieme che non funziona. Oltre, ovviamente, al cappellino di lui.

4. Romania – Voto 5: Nel video che inizialmente ci proponeva la playlist dell’ESC (questo) lui, nella sua estrema tamarraggine, sembra quasi convincente, mentre lei ha palesemente rubato la cintura a Babbo Natale. Buone notizie, amici: nella clip ufficiale lui è ANCORA più tamarro, e lei si è travestita da Belle di La Bella e La Bestia. Del resto, ultimamente é cool.

UOMINI: 

1. Svezia- Voto 8: Elegantissimo. Si potrebbe discutere giusto giusto la scelta della cravatta a pois ma con quegli occhi lì gli si perdona tutto. Mr. Eurovision 2017.

2. Cipro – Voto 7,5: Sono due anni di fila che mi scopro musicalmente innamorata di Cipro. Forse dovrei andarci in vacanza e girare tutte le sale di musica live. Lui tra l’altro è anche uno dei meglio vestiti: look casual collaudatissimo ma sempre efficace fatto di shirt, giacca in pelle, jeans e sneaker a contrasto. Ci Piace.

3. Irlanda – Voto 7+: Ma questo quanti anni ha? 18!? In ogni caso, a guardarlo é evidente che a vestirsi bene si impara in fretta.

4. Austria – Voto 7: Per il palco sceglierà certamente qualcosa di diverso, ma Il look escursione- in-montagna-innevata mi convince. Poi è un mio mezzo-conterraneo, mi dicono. Come fai a non volergli bene?

5. Spagna – Voto 7: La Spagna ha questa straordinaria proprietá di mandare all’Eurovision gente che non ho mai sentito nominare nonostante in quel Paese ci viva. Se non altro, questa volta il tizio canta (seppur parzialmente) nel meraviglioso idioma che si ritrovano. Riccioli biondi, occhiali vintage, camicie hawaiane, bracciali e ciondoli garantiscono un perfetto stile surfer che almeno si discosta da tutti gli altri.

6. Australia – Voto 6,5: L’altr’anno erano venuti ad insegnarci come si fa musica, quest’anno hanno probabilmente l’arrangiamento migliore. Detto tra noi, iniziano a starmi un po’ sulle palle. A peggiorare il tutto, il fatto che il ragazzetto non sia neanche vestito poi così male, sempre che si chiuda un occhio su quell’improbabile camicia bicolor.

7. Israele – Voto 6,5: Il video è una sorta di spot di Tel Aviv, e mette voglia di ballare. Lui, Imri, si presenta al comando di una sottospecie di boyband vestito casual con jeans, camice e magliette. Semplice, frizzante e, tutto sommato, efficace.

8. Bulgaria – Voto 6+: Total black per il video coreografico e fotograficamente impeccabile del giovanissimo concorrente bulgaro che secondo me è parente dell’irlandese (dai, un po’ si somigliano!). Qui lo vediamo avvolto da quella che potrebbe essere allo stesso modo una vestaglia, una copertina della nonna o un cappotto. Look improponibile per uscire, ma decisamente efficace nel clip. Sul palco mi aspetto scenari epici.

9. Italia – Voto 6: Orange is the new black, e pure le giacchette a fiori. Lo stile italiano, però, emerge ancora tutto nella cravattina nera, nelle camice ben stirate e nei pantaloni eleganti di Gabbani. Scusate, ma io non potrei dargli l’insufficienza manco se si presentasse a Kiev coi maglioncini Benetton che aveva a Sanremo. Cosa, peraltro, probabile. Spacca tutto Francé!

Lo svedese Robin Bengtsson

10. Portogallo – Voto 6: Niente, la malinconia i portoghesi ce l’hanno proprio nel dna. Lui comunque è giustificato, e anche quella giacca un po’ troppo grande pare sia legata a problemi di salute.

11. Croazia – Voto 6-: Niente di eccezionale, ma neanche niente di sbagliatissimo, nell’outfit del tenore croato. Quello scollo, però, mi fa pensare subito a un prete.

12. Moldavia – Voto 5,5: In uno dei video oggettivamente più brutti di quest’edizione, i SunStroke Project alternano completi classici con tanto di farfallina a giacca bianca, maglietta e jeans. Di per sè sarebbero tutti look collaudati, ma il risultato, nell’insieme, è improbabile.

13. Ungheria – Voto 5,5: Ma posso votare il look gitaneggiante della tipa, invece? Vi prego. A lui avrei anche dato la sufficienza, se non mi si fosse presentato nella parte rappata con quella maglia improponibile e il maglioncino legato in vita. Voglio dire, ci sarà pur stato un mobiletto dove appoggiarlo sul set, no?

14. Norvegia – Voto 5: Su quella specie di fazzoletto penzolante che ha sotto al camicione il cantante dei Jowst deve aver quantomeno fatto un nodo per ricordarsi di dire al dj di togliersi la maschera quando scende dal palco. E’ l’unico modo in cui riesco a spiegarmene l’utilità.

15. Slovenia – Voto 5: Un campionario di giacche e paltó improponibili, per look che spaziano dalla versione “Re tarantolato” a “domatore di tigri in pensione”.

16. Ucraina – Voto 5: I padroni di casa sono francamente inguardabili con i timer delle bombe incastrati nel petto, gli stracci post apocalittici, i piercing, le ferite e i tatuaggi. Musicalmente, però, sono i miei preferiti. Li amo alla follia. Se non vince Gabbani allora giuro che faccio il tifo per loro. ROCK ON!

17. Montenegro  – Voto 4: A parte che i pantaloni in pelle mi fanno sempre venire Ross in una puntata di Friends e la corona mi ricorda l’happy meal (sì, ho chiaramente dei problemi) vi consiglierei di copiare il look solo se volete fare i cubisti in discoteca o picchiare qualcuno con la treccia.

Siete d’accordo con i miei giudizi? Qual è secondo voi il cantante più stylish di quest’Eurovision ? Commentate senza pietà: sono pronta a (quasi!) tutto.

Ilaria