0

Charts: le numero 1 in Europa (26/10/2014)

U2Due protagonisti nella settimana di vendite dei dischi in Europa. La prima l’abbiamo imparata a conoscere ed è Meghan Trainor, il cui brano “All about that bass” prosegue la scalata all’Europa conquistando sempre più piazze e piano piano scalzando Lilly Wood & The Prick ft  Robin Schulz, che sono stati i dominatori di questi mesi. Ma attenzione all’inedito dei Queen, inedito nel senso di mai inciso su album anche se risalente al 1985: per ora si affaccia in vetta in Belgio, nel duetto con Micheal Jackson, ma potrebbe arrivare presto in Europa.

Gli altri protagonisti sono gli U2 che dopo la predistribuzione “autonoma” su Itunes, hanno visto schizzare in queste settimane in vetta dappertutto o quasi il loro album “Songs of innocence”, dal quale abbiamo estratto “The miracle (of Joey Ramones)”, l’omaggio ai Ramones che vi proponiamo sotto. L’album sta andando alla grande e sta anche facendo incetta di premi e dischi d’oro e di platino. Sotto, come sempre, le numero uno della settimana.

Continue Reading

0

MTV European Music Awards 2014, ecco i vincitori nazionali

Assegnati i titoli nazionali agli MTV European Music Awards, gli Oscar musicali internazionali organizzati dall’emittente multinazionale MTV. Grosse sorprese, negative per i big, quasi tutti sconfitti tranne Indila in Francia ed Enrique Iglesias in Spagna. Per il resto, il concorso conferma come contino i click e la popolarità più su scala nazionale che su quella internazionale. Sconfitte pesanti anche per Serebro (da Nyusha, tuttora spesso leader della chart) e per i croati Vatra e i montenegrini Who See (battuti dai serbi Van Gogh).

2014_MTV_EMA_Logo

Adelén ha prevalso in Norvegia. su gente da hit internazionali come Nico& Vinz e Martin Tungevaag, ma anche su Anders Nilsen, l’uomo del tormentone nonsense “Salsa tequila”. In Finlandia la sfida fra giovanissimi, Robin contro Isaac Elliott è andata a quest’ultimo. In Danimarca Christopher, il nome nuovo del pop ha battuto Medina, una delle grandi favorite, in Romania grandi sconfitti sia Elena Gheorghe (appunto uno dei nomi eurovisivi in corsa) che soprattutto Smiley, asso pigliatutto in patria: ha vinto Andra, altro nome molto popolare. In Svizzera successo per i ticinesi Sinplus, che hanno eliminato anche DJ Antoine, confermando l’ottimo appeal di pubblico. Due artisti di matrice eurovisiva dunque in finale per i premi zonali.

Continue Reading

0

In arrivo il nuovo album di Jack Savoretti

Tre album  dal successo crescente, un altro in uscita nel 2015 (“Written in scars”, titolo di una canzone uscita l’anno scorso) ma soprattutto, solide radici in Italia. Se non conoscete Jack Savoretti, vale la pena ascoltarlo. Perchè è quanto di meglio offre oggi il cantautorato britannico. Nato a Londra, cresciuto fra Genova, Portofino e Lugano, figlio di un broker marittimo ex attore  (suo padre recitò in Zorro con Alain Delon ed era nel cast diLa madama di Duccio Tessari), nipote di  un partigiano che contribuì a liberare Genova dai nazifascisti, tanto da meritarsi una via (a Lavagna, c’è via Giovanni Savoretti). E cresciuto ascoltando i dischi di papà: Lucio Battisti, Fabrizio De Andrè, Lucio Dalla, Francesco De Gregori.

Jack Savoretti

In rete c’è chi lo paragona a Simon & Garfunkel e in fondo chi l’ha fatto non ha sbagliato, vista l’intensità e al contempo la radiofonicità delle sue produzioni: “Sweet hurt” è l’ultimo singolo uscito e c’è da dire che conferma quanto di buono ascoltato sin qui: è in un Ep dallo stesso titolo che anticipa appunto l’album in uscita nel 2015. Un altro EP è “Tie me down”, con singolo omonimo, ma a colpire di più è la sua produzione estiva, “Jack in the box“, che scherza col suo nome e con l’omonimo giocattolo inglese.

Non ingannino i medi riscontri commerciali dei suoi lavori: Savoretti ha una solida fama live: è stato supporter Bruce Springsteen all’Hard Rock Calling di Londra, ha aperto l’intero tour di Jools Holland ed è stato parte della colonna sonora di serie tv di culto come The Vampire diares e Sons of Anarchy. Ed inoltre ha fatto parte del video di Paul Mc Cartney girato negli Abbey Road Studios londinesi, insieme a Meryl Streep, Johnny Depp, Sienna Miller, Kate Moss, Jude Law, Gary Barlow, Sean Penn e Jeremy Irons.

Un lungo tour in Italia, ma anche il suo lavoro parallelo da modello per Calvin Klein l’hanno fatto conoscere anche da noi e adesso appunto si appresta ad uscire con un nuovo lavoro. La lunga scia dei britannici d’Italia comprende già artisti di chiara fama come Sergio Pizzorno dei Kasabian, genovese pure lui (e tifoso del Genoa), Paolo Nutini, orginario di Barga, in provincia di Lucca e Toni Iommi storico chitarrista dei Black Sabbath.

0

X Factor 8: Diluvio primo eliminato

X FactorPrimo live di X Factor 8 con sorprese e con due performance super dei grandi ospiti Tiziano Ferro e Lilly Wood & The Prick ft Robin Schultz, che sentiti dal vivo sono oggettivamente interessantissimi come e quanto su disco. Sul fronte della gara, partenza diesel.

I migliori delle audizioni e degli Home Visit sono partiti forse un pò al di sotto delle proprie possibilità, pur con buone performance. Alcuni salvataggi  a sorpresa e un ultimo scontro che ha premiato The Wise a scapito del rapper romano Diluvio, primo eliminato, penalizzato da scelte sbagliate ed eccessivi stravolgimenti. La prossima settimana sfida per il ripescaggio dello sponsor fra Riccardo Schiara (uomini under 25) e Sarah Fargion (over 25), che hanno vinto la votazione on line. Sotto, il resoconto della serata.

Continue Reading