0

Charts: i 10 brani più suonati e venduti in Europa (20/4/2014)

Avicii

Ancora Pharrell Williams in testa alla classifica sia dei brani più suonati che di quelli più scaricati del vecchio Continente: ormai è virale l’effetto della canzone “Happy“, che partendo dal film “Cattivissimo me” di cui è colonna sonora ha invaso non solo le classifiche e le radio ma anche youtube con diverse interpretazioni “locali” del brano, con protagonista la gente comune.

Rientra “Hey brother” di Avicii, risale anche “I see fire” di Ed Sheeran, ma per adesso sul fronte delle produzioni Made in Europe, in attesa dell’Eurovision, sono ancora i Clean Bandit i grandi protagonisti della classifica, sia a livello di airplay che a livello di download. Sotto, dopo il salto come sempre i numeri uno mentre l’ascolto della settimana è “Addicted to you” di Avicii.

Continue Reading

0

Voting ESC 2014: Linus per l’Italia, Perniola per San Marino

Eurovision 2014 Join UsManca ormai poco all’avvio dell’edizione 2014 dell’Eurovision Song Contest e allora è tempo di fare il punto della situazione su alcune questioni tecniche. Anzitutto: il voting. Ovvero quella fase della finale del 10 maggio subito dopo le esibizioni e l’interval act in cui con 37 brevi collegamenti, uno per paese in concorso, saranno annunciati i voti assegnati da ciascun paese combinando i risultati di giuria e televoto.

Ebbene, ad annunciare i voti italiani sarà Linus, voce di Radio Deejay e volto di Deejay Tv ma anche conduttore de “Il grande cocomero” su Rai 2 ad annunciare i voti italiani. Linus, come è noto, insieme a Nicola Savino commenterà la finale su Rai 2, mentre per le due semifinali del 6 e 8 maggio su Rai 4 torneranno in voce Marco Ardemagni e Filippo Solibello, voci di Caterpillar Am di Radio 2.

San Marino invece ha affidato il ruolo di spokperson a Michele Perniola, il 16 enne cantante pugliese che lo scorso ottobre ha rappresentato il Titano allo Junior Eurovision Song Contest, chiudendo decimo. Novità anche sul fronte del commento. Non soltanto un commento in italiano, come sempre, affidato a Lia Fiorio e Gigi Restivo: San Marino RTV proporrà sul sito web dell’emittente anche un commento in inglese affidato a John Kennedy O’Connor, storico ufficiale dell’ESC (e spokperson sammarinese 2013) e Jamarie Milkovic.

0

CoreAcore, Marlò, Nada, Cassandra Raffaele: storie di donne in musica

Claudia Delli FicorelliStorie di donne in musica. Cantate da donne. E non è un caso, perché soltanto loro conoscono bene l’animo femminile. L’ultimo periodo è foriero di produzioni di grandissimo livello. Tutte italiane. Musicultura è un palco dove di donne, ma non solo s’è parlato spesso e se ne parla ancora. Fra le 16 canzoni arrivare a giocarsi la vittoria (le trovate qui: ne avremmo parlato volentieri in dettaglio anche noi, se solo c’avessero avvertito in tempo: sulla pagina facebook della rassegna sono aperte le votazioni per scegliere due degli otto vincitori) ce ne sono due che di donne parlano fuori dai denti.

La cortellata” mescola il pop e il rock alla musica popolare in romanesco. C’è dentro tutta l’esperienza dei CoreAcore, il progetto che fa capo a Claudia Delli Ficorelli. Straordinariamente orecchiabile e pure assolutamente popolare, sia per il linguaggio che per la tematica, il racconto di una amore finito male e di una donna che vuole vendicarsi alla sua maniera, prendendosi delle rivincite e concedendosi delgi sfizi personali. “Rappresenta l’insieme di tutte le cose che noi donne pensiamo nell’ambito di un rapporto, ma sono cose talmente peccaminose che non riusciamo a dirle”, spiega la frontman del gruppo, che sta per dare alle stampe un album che conterrà un pezzo inedito di Franco Califano, uno degli ultimi scritti dall’artista romano e pensato inizialmente per Gabriella Ferri. Con Califano, Claudia Delli Ficorelli ha anche duettato nel 2011 in uno spettacolo.

COREACORE – La Cortellata – Anteprima Musicultura 2014

MarlòSempre dalla finale di Musicultura arriva “La donna di scorta” della pescarese Federica Di Marcello, in arte Marlò, che racconta delle donne che amano senza essere amate, le donne che senza reagire accettano di essere sfruttate, accontentandosi di “rimasugli di tempo ed avanzi di cuore”, per le quali non ci sono “Domeniche da consumare, ne aspettative da soddisfare, niente dolcezza, niente attenzioni, nessun ultimo bacione spiegazioni”. Per lei è l’occasione di proporsi da solista:la 24 enne abruzzese normalmente gira con un trio che ripropone cover di successi del cantautorato italiano ma anche del mondo pop e della world music in chiave acustica, ed in italiano.

Di Nada e del suo album “Occupo poco spazio” avevamo già parlato in occasione del primo singolo, ma vale la pena di tornare a parlare perché il lavoro è un po’ tutto al femminile e fra le tante storie che racconta, sempre con l’ispirazione del grande concittadino Piero Ciampi, c’è quella delle donne, sole, abbandonate: “La terrorista”, è di una crudezza estrema, scandita anche da una melodia che è come un incedere pesante, con slanci elettronici. “Sulle rive di un fiume” racconta invece di come nel mezzo della guerra le donne cerchino rifugio per cercare di mantenere vivo l’amore.

MARLO' – La donna di scorta – Anteprima Musicultura 2014

 L’album va ascoltato tutto, perchè merita. Lo  trovate qui. E lo diciamo subito, non è un lavoro semplice, da prendere a cuor leggero. Però se avete tempo e modo di tuffarvi dentro queste liriche e queste musiche complesse ma profonde, scoprirete quanto sia ancora attuale un’artista che ha cominciato la carriera 45 anni fa e che oggi, girata la soglia dei 60, si propone in una veste forse ancora più bella degli esordi e del periodo d’oro.

E poi c’è Cassandra Raffaele, un’altra che sta diventando sempre più brava e che progressivamente si sta allontanando da quella vista ad X Factor qualche anno fa. “La valigia con le scarpe”, di cui avevamo parlato un pò di tempo fa, è un album bellissimo, in cui c’è uno straordinario ritratto della “donna tappetino” ne “L’occasione”, che non a caso fu premiato proprio nel maggiore concorso dedicato alla canzone  al femminile, il “Bianca d’Aponte”.

La Terrorista- Nada (Novità 2014)

0

Tiziana Gulino, è italiana la nuova “Voice of Switzerland”

Tizia GulinoE’italiana la vincitrice della seconda edizione di  The Voice of Swtizerland. Ha 17 anni, viene dal cantone di Zurigo e si chiama Tiziana Gulino: è nata a Dielsdorf, ed è figlia  di emigrati dal nostro paese,  Marcello (siciliano) e Catia (pugliese) . Succede a Nicole Bernegger ed ha sbaragliato la concorrenza, non solo con le sue cover ma anche con il suo singolo d’esordio “Warrior”, che in fondo  potete ascoltare in estratto. In  finale ha duettato con Bastian Baker in “Follow the wind” oltre ad aver cantato l’inedito e la cover di “Because of you” di Kelly Clarkson.

Adesso comincia il mio sogno – ha dichiarato la giovane artista – ma prima voglio festeggiare con la mia famiglia italiana”, chiamando in causa anche i parenti (fra cui la cugina Deborah Cucinelli) che l’hanno seguita in questa avventura. Cantante autodidatta e pianista sin dall’età di 11 anni “Tizi wonder”, che studia da infermiera, ha già un singolo alle spalle, “Wanna make a change”, risalente al 2012 e adesso si prepara a sbarcare nel mainstream, seguendo le orme di chi l’ha preceduta in questa versione del talent ma anche dei tanti svizzeri che hanno gareggiato nei vari talent show in Germania. A  cominciare da uno dei coach di The Voice, Stephanie Heinzmann, lanciata dal talent personale di quello Stefan Raab mentore di Lena, oggi superstar del pop europeo dopo aver vinto l’Eurovision nel 2010.

SEbalter Clarissa TamiAssistita come coach dal cantante Marc Sway (e nella fase delle Battle anche dal rapper americano Sekou) ha vinto una edizione ricchissima di italiani: erano infatti presenti anche Vanessa Iraci, Veronica Fusaro  e Stefania Pagano. Fra le tante canzoni da lei eseguite, merita un ascolto anche quella presentata alle Blind Auditions, “Let her go” di Passenger: quello che poi è diventato il suo coach è stato fra gli ultimi a girarsi.

A commentare la finale su SF (la tv di lingua tedesca) insieme a Viola Tami un volto noto agli eurofan, quello Sven Epiney che da anni conduce – nella stessa location, la Bodensee Arena di Kreuzligen –  anche Die Groβe Entscheidungsschow, la finale nazionale elvetica per l’Eurovision. Un volto ancora più noto ha commentato fuori campo per RSI, la tv di lingua italiana: SEBAlter, ovvero colui che rappresenterà la Svizzera a Copenaghen all’ESC il prossimo maggio col brano “Hunter of stars”: ha accompagnato Clarissa Tami, già voce dell’Eurovision 2012 su RSI insieme a Paolo Meneguzzi.

Tiziana Gulino – Warrior – Finale – The Voice of Switzerland 2014