0

Dopo “Amici” ecco “Encanto”, il nuovo singolo di Miguel Bosè

Miguel BosèFinita l’esperienza numero 2 come coach, anzi, direttore artistico ad Amici, Miguel Bosè torna al suo primo amore, ovvero la musica. E’ atteso per il 4 novembre “Amo“,  il suo nuovo album, che esce a quattro dal suo ultimo lavoro di inedito “Cardio” e a due da “Papitwo“, secondo lavoro di cover di canzoni da lui già cantate. Un album che come sempre  vede la collaborazione degli italiani Lanfranco Ferrario e Massimo Grilli, che ormai fanno parte da un decennio del suo staff.

Sonorità elettroniche con un particolare arrangiamento d’archi, un video ambientato nel passato e girato alla periferia di Madrid, la stessa capacità di coinvolgere l’ascoltatore. Il tempo passa ma Miguel Bosè continua a rimanere sula cresta dell’onda. Si preannuncia un altro successo visto che gli ultimi lavori hanno tutti avuto ottimo riscontro, in Spagna  (primo posto) e Messico (secondo) ma anche in Italia: il traino mediatico della sua partecipazione ad “Amici” potrebbe dargli un ulteriore slancio.

0

Charts: i 10 brani più suonati e scaricati in Europa (22/10/2014)

Meghan TrainorContinua la sua campagna d’Europa “All about that bass”, il tormentone a difesa delle curve e dell’accettazione di sè stessi dell’americana Meghan Trainor: è quarta nell’airplay italiano, ma anche nella chart dei brani più suonati nel vecchio Continente e in testa nella chart dei download, sempre europei. Una marcia che per adesso sembra inarrestabile, ma il brano merita e sotto ve lo rilanciamo

Novità sul fronte dei download, perchè sta lentamente arrivando “Fade out lines” del dj e produttore francese The Avener e stanno tornando anche gli One Direction col loro nuovo singolo “Steal my girl”. Lentamente dunque le charts si muovono anche se per adesso i protagonisti sono ancora ben saldi sulle loro posizioni. Sotto, dopo il salto come sempre le quattro classifiche scorporate.

Continue Reading

0

Targhe Tenco 2014: ecco tutti i candidati

targhe-tenco-2014E’ stata diramata la lista dei finalisti delle Targhe Tenco 2014,  il riconoscimento più prestigioso della musica italiana che vuole premiare i migliori lavori della canzone d’autore usciti nell’anno solare. Le Targhe non sono assegnate dal Club Tenco, ma da una giuria composta da oltre 200 giornalisti (di gran lunga la più vasta e rappresentativa in Italia in campo musicale), che in questa prima fase ha votato fra i dischi candidati i finalisti delle cinque sezioni. Le Targhe saranno consegnate il 6 dicembre a Sanremo al Teatro Ariston, in una serata-evento a cui saranno invitati tutti i vincitori e che vedrà David Crosby come ospite d’onore.

Dopo le candidature, selezionate da una commissione di 20 giurati, le Targhe Tenco sono assegnate in due fasi. Con la prima, appena svoltasi, vengono selezionati i 5 finalisti (o più, in caso di ex aequo, come accade quest’anno in due sezioni). Con la seconda, che si terrà nei prossimi giorni, verrà proclamato il vincitore di ogni sezione. Ci fa piacere trovare personaggi emergenti come Levante, nomi storici che tornano come Nada e anche canzoni a caccia di riscatto dopo gli insuccessi sanremesi come “Il cielo è vuoto” di Cristiano De Andrè. Ecco nel dettaglio i candidati

MIGLIOR CANZONE

Brunori Sas, Il cammino di Santiago in taxi
Caparezza, Museica
Le Luci della Centrale Elettrica, Costellazioni
Massimo Volume, Aspettando i barbari
Nada, Occupo poco spazio
Virginiana Miller, Venga il regno

MIGLIOR OPERA PRIMA

Betti Barsantini, Betti Barsantini
Pierpaolo Capovilla, Obtorto collo
Filippo Graziani, Le cose belle
Johann Sebastian Punk, More Lovely and More Temperate
Levante, Manuale distruzione

MIGLIOR ALBUM IN DIALETTO

Enzo Avitabile, Music life O.s.t.
Francesco Di Bella, Francesco Di Bella & Ballads Cafè
99 Posse, Curre curre guagliò 2.0
Davide Van De Sfroos, Goga e Magoga
Loris Vescovo, Penisolâti

INTERPRETI DI CANZONI NON PROPRIE (non cantautori o interpreti di cover)

Chiara Civello, Canzoni
Fiorella Mannoia, A te
Mirco Menna, Io, Domenico e tu
Alberto Patrucco e Andrea Mirò, Segni (e) particolari
Raiz e Fausto Mesolella, Dago Red
Saluti da Saturno, Shaloma locomotiva

0

“Lasciarsi andare”, ritorna Marina Rei

Marina ReiRitroviamo con piacere un’artista della scena musicale italiana che pur non avendo mai mancato l’appuntamento con nuove produzioni, era da un pò assente dal punto di vista del mainstream. Il riferimento è a Marina Rei, della quale è uscito da poco il nuovo album “Pareidolìa”, prodotto da Giulio Ragno Favero, bassista della band Teatro degli Orrori, con i cui componenti l’artista romana collabora da un pò. L’album è prodotto dalla sua etichetta, Perenne.

Lasciarsi andare” è il singolo di lancio, che ha dentro un pò tutto: le sonorità pop, il rock radiofonico e cantabile e anche una vena leggermente indie. Video in bianco e nero, l’amata batteria, ma anche la chitarra che spesso l’ha caratterizzata.  Insomma, lo smalto è quello di sempre, così come anche la tradizionale bellezza dei testi sembra essere rimasta intatta. Il titolo dell’album, che esce a due anni di distanza dall’ultimo (che era “La conseguenza naturale dell’errore”) si riferisce al fenomeno che ti fa scorgere in una nuvola o in una montagna il profilo di qualcuno che ami.