0

“Il mondo non accetta le parole”, il ritorno di Alexia

A cinque anni dall’ultimo lavoro di inediti e a due  dalla raccolta di brani suoi e di altri pubblicata dopo la partecipazione a “I migliori anni”, riecco Alexia, con un nuovo singolo. “Il mondo non accetta le parole” anticipa l’album “Tu puoi se vuoi”, che riporta dunque nel mainstream la cantante spezzina, autentica regina degli anni 90 e dei primi anni 2000.

Alexia

Nonostante l’assenza dalla scena discografica, va detto che Alexia non si è mai fermata:  questi ultimi sono infatti stati anni nei quali l’artista si è dedicata interamente alla musica, ai live in Italia e all’estero e a questo suo nuovo progetto, che adesso vede la luce e che come al solito la vede, oltrechè in veste di interprete, anche in quella di autrice.

Contemporaneamente continua la sua intensa attività live: di recente in giuria al Festival Show, sta facendo un vero e proprio giro d’Europa, cantando fra Spagna, Finlandia, Estonia, Polonia Bulgaria e Repubblica Ceca e ovviamente l’Italia, in un tour che oltre a proporre i suoi successi più note porta in scena anche le altre sue canzoni meno conosciute. Ora questo bel rientro musicale.

0

“Son duam”, l’energia rock dei turchi Lal

Segnatevi il nome dei Lal, perchè potremmo risentirne parlare presto. Quest band di Istanbul è il nome nuovo del rock europeo e del bacino del Mediterraneo. E soprattutto, cosa molto importante, ha il coraggio di cantare in turco, per dimostrare che anche il rock è una musica senza frontiere. Sonorità forti, che costeggiano il metal ed un lavoro realizzato presso studi di registrazione finlandesi. Proprio là dove questo sound funziona meglio.

Lal

“Son dual” (La mia  preghiera finale) accompagna il loro primo lavoro “Yeni Hayat” (Nuova vita) e le premesse perchè possa venir fuori un prodotto di livello internazionale ci sono tutte, sopratutto se dovessero riuscire a far breccia nel nord Europa. In quattro anni, hanno messo a punto un loro stile, ma ascoltandoli, non manca la eco dei gruppi più celebri come MFO e ManGa

0

Charts (19/4/2015): Wiz Khalifa ft Charlie Puth, l’Europa è “Fast and furious”

Khalifa PuthCambio al vertice. Da questa settimana il brano meglio posizionato è “See you again” di Wiz Khalifa ft Charlie Puth, che ha fatto il suo ingresso in maniera prorompente in classifica schizzando direttamente in vetta alle classifiche di mezzo continente, compresa l’Italia, grazie al fatto che il brano è quello portante della colonna sonora del film d’azione Fast and furious 7.

Il brano di Wiz Khalifa  ha letteralmente polverizzato tutti i record di streaming e anche fuori dal continente europeo è in testa praticamente dovunque, cosa che ci fa scegliere di farvelo anche noi ascoltare, deviando dalla regola del sito di proporre soltanto produzioni europee.Da un film all’altro dunque, visto che il precedente primato era della colonna sonora di 50 sfumature di grigio e anche stavolta ci sono le possibilità per restare primi a lungo. Sotto, come sempre le numero uno

Continue Reading

0

Eurovision 2015, tutti i commentatori in italiano. Novità in casa RAI

Manca ormai un mese esatto all’avvio dell’Eurovision Song Contest 2015 e mentre fra poco ci dedicheremo, come sempre all’analisi dei brani in concorso, sotto vari aspetti, è bene fare il punto della situazione sul fronte televisivo ma anche radiofonico. La grande novità di quest’anno è che l’Eurovision torna in radio, nella radio italiana. C’era passato di straforo nel 2011, quando Raffaella Carrà commentò in simultanea una delle semifinali con la tv ma poi non fu trasmessa anche la finale.

Conduttori italiani ESC

Così l’ultima finale è stata quella del 1985, quando l’evento era in serata unica e andò sempre in contemporanea con la tv, alle 22.30, ma in differita: ai microfoni di Radio RAI c’era Antonio De Robertis a quelli della tv Rosanna Vaudetti. L’ultima diretta è dell’anno prima, sempre con De Robertis, che però era al timone in quel caso anche della tv, dove il programma fu irradiato in leggera differita.

Continue Reading