Sara Hermasson e la sua “Mov laavlome”: quando il pop parla lappone

1 min read

Il secondo regalo che vi facciamo a fine anno è di nuovo un brano che mostra come si possa fare dell’ottimo pop anche in lingue non così popolari. Saara Hermansson arriva dalla Svezia, ma con più precisione dalla parte lappone della Svezia e rappresenta bene la cultura Sami. “Mov laavlome (My song)” è il singolo con cui ha vinto il Sámi Grand Prix 2019, festival della canzone in lingua lappone ed avrebbe dovuto rappresentare il popolo Sami al Liet International 2020, il concorso europeo delle minoranze linguistiche, se non fosse stato cancellato per la pandemia.

Da molto tempo sulla scena, Hermansson, porta in alto la bandiera della lingua sami anche nel pop, visto che questo popolo è più noto per la tradizione del canto joik, spesso rappresentato sia al Melodifestivalen, il concorso nazionale svedese che all’Eurovision, dove (1980, Sámiid ædnan, di Sverre Kjelsberg & Mattis Hætta e 2019, Spirit in the sky  dei Keiino). Intanto per lei già diverse collaborazioni e un nuovo lavoro che contiene brani in vari generi.

You May Also Like