“Tutti contro tutti”, il nuovo singolo di chiamamifaro che fa urlare come allo stadio

chiamamifaro tutti contro tutti

È uscito venerdì 29 marzo “Tutti contro tutti”, ultimo singolo della cantautrice bergamasca chiamamifaro. Il brano, dalle sonorità marcatamente pop, è una critica aperta al mondo di oggi, fatto di social e di identità perdute nel caos sociale.

Alè alè. Allo stadio, nei talk show, su Twitter, alle cene di famiglia: l’ultras è in tutti noi e si manifesta ogni volta che inizia la partita, di sport o di vita. Alè alè. Calcio, gossip, vip, influencer, cronaca nera e rosa, vaccini, porti o guerre, santi o demoni, col dito puntato verso di te. Alè alè. Una partita che non si può vincere. Alè alè. Un coro che non ti dimenticherai: alè alè

È così che chiamamifaro, nome d’arte di Angelica Gori, racconta il brano. Il coro “Alè alè”, che rimbomba nel ritornello tra un tema e un altro (e che il pubblico canterà in coro ai live), incalza come se tutto si riducesse al tifo da stadio. Il ritornello stesso ha uno schema ritmico incalzante tipico di molti brani che, velatamente ma non troppo, fanno critica sociale: da Rino Gaetano con la sua “Nuntereggae più” a Rosa Chemical con “Made in Italy”, rivelazione di un Sanremo 2023 che ha fatto parlare di sé a lungo.

Nel testo sono sparpagliate numerose citazioni, tra cui una abbastanza evidente che richiama il capolavoro “Amico è” di Dario Baldan Bembo, senza dimenticare quel “Gira il mondo gira” che per certi versi riprende “Il mondo” di Jimmy Fontana. I riferimenti alla vita quotidiana e i giochi di parole sparsi lungo tutto il testo, che sono un po’ il marchio di fabbrica di Gigi, presenti in buona parte delle sue produzioni musicali, sono numerosi e rendono il brano attuale, giocoso ma allo stesso tempo profondo.

Presentato durante i tre live a Milano, Bologna e Roma, e chi vi scrive ha avuto la fortuna di assistere alla tappa milanese del tour, “Tutti contro tutti” ha le firme della stessa chiamamifaro insieme ad Alessandro Belotti e Lorenzo Vizzini, con la produzione a cura di Marco Paganelli e Pietro Posani (che figurano anche tra i compositori).

Pubblicato sotto l’etichetta Columbia Records/Nigiri e distribuito da Sony Music Italy, il brano è disponibile da venerdì 29 marzo per l’ascolto e il download su tutte le piattaforme di streaming.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *