X Factor 9, terzo live: esce Eleonora Anania

Terzo live terribile per Skin, costretta ad eliminare una concorrente del suo stesso team perchè in due sono finite al ballottaggio (Eleonora Anania e Margherita Principi): giornata comunque non particolarmente straordinaria a livello di performance, esce Eleonora Anania in una serata in cui forse ha cantato un pò meglio rispetto al solito, ma in presenza di due brani (compreso quello del ballottaggio), decisamente più semplice.

Quattro voti su quattro a sfavore della cantante calabrese, molto discussa sin dalla prima edizione. Enrica Tara, Moseek e Davide Sciortino i migliori della serata. La prossima settimana si preannuncia una serata a tutto ritmo, dedicata alla dance, con ospite il grandissimo Giorgio Moroder, 74 anni, icona italiana del genere. Sotto, il resoconto della puntata.

Enrica Tara

PRIMA MANCHE

Donne 16-14 (coach: Skin)

Eleonora Anania – Il cielo è sempre più blu (Rino Gaetano): Skin l’ha messa al riparo da rischi dandole una canzone lineare dove non deve fare assolutamente niente, se non preoccuparsi di non urlare nel microfono. Missione compiuta, ma così è facile, sembra un karaoke al bar. Va all’ultimo scontro.

Band (coach: Fedez)

Moseek –The Passenger (Iggy Pop): L’arrangiamento regala grande possibilità di mettersi in mostra alla cantante della band, criticata nelle scorse settimane da Mika. In realtà si confermano però in grande forma, anche in questa versione “verticale”.  I più pronti, senza dubbio. Scelta anche di gran livello.

Landlord – Universo (Cristina Donà): Cantano bene, non sbagliano niente, ma esce una performance un po’ fredda sul piano emozionale. Peccato, perché l’occasione di avere un brano così d’atmosfera era davvero ghiotta. Lievi insicurezze vocali. Più convincenti sicuramente su altre cose.

Uomini 16-24 (coach: Mika)

Luca Valenti – Runnin’ (Naughty Boy ft Beyoncè): Cambiata in corsa, scelta rischiosissima perchè si tratta di un pezzo appena uscito. Voleva una ballad per mettersi in luce e non ha sbagliato l’occasione offertagli dal suo coach. Molto bravo sulle note basse.

Over 25 (coach: Elio)

Davide Sciortino – A change is gonna come (Sam Cooke): Era facile cadere nel tranello di una performance “costruita” e invece su questo brano storico sciorina una ottima prova vocale, senza incertezze e senza fioriture, riuscendo a far passare le emozioni senza sembrare finto. Un altro già pronto.

Luca Valenti

SECONDA MANCHE

Donne 16-14 (coach: Skin)

Margherita Principi– Yellow flicker beat (Lorde): Non è facile confrontarsi con Lorde, ne esce complessivamente bene, anche se chiaramente il brano e l’artista originale rendono il tutto un complesso per l’ascoltatore medio. Le servirebbe un pezzo capace di farle fare il salto di qualità. Va all’ultimo scontro.

Enrica Tara – I try (Macy Gray): La performance migliore della serata su un pezzo che le calza a pennello: la sua voce scura e calda crea una bella atmosfera. Lei è sicura, intonata, canta senza patire l’emozione. Cresce live dopo live.

Uomini 16-24 (coach: Mika)

Leonardo Marius Dragusin – Lay me down (Sam Smith): Si lascia da parte qualche incertezza che aveva caratterizzato la scorsa performance e su un pezzo molto difficile di un artista dalla vocalità particolare, sfodera un prova netta, sicura, senza incertezze. Voce potente e buona presenza scenica, gli manca un pò di continuità

Band (coach: Fedez)

Urban Strangers – Rape me (Nirvana): Dopo l’inconveniente tecnico della settimana scorsa, vanno lisci come l’olio su un pezzo molto difficile che parla di lotta alla violenza sessuale. Si confermano artisti di qualità.

Over 25 (coach: Elio)

Giosada – Love me two times (Doors): Voleva un pezzo rock l’ha avuto. Il rischio è sempre un po’ quello di strafare e lui a tratti ha deragliato un po’. Colpa forse anche dell’arrangiamento in parte blues che gli stava un po’ stretto.

ULTIMO SCONTRO

Eleonora Anania (Con il nastro rosa di Lucio Battisti) vs Margherita Principi (Addicted to you di Avicii): Margherita ha chiaramente più capacità vocali e lo dimostra con un prova grintosa. Eleonora non sbaglia, ma il pezzo di Battisti è nettamente più semplice.

Potrebbero interessarti anche...