X Factor 2023: fuori Selmi e SickTeens. Volano stracci fra Morgan e Dargen D’Amico

Quarto live di X Factor funestato dallo scontro in diretta fra Dargen D’Amico e Morgan, con il rapper che si sfoga contro il cantautore che dietro le quinte gli ha dato del “venduto” alla discografia per aver difeso Davide Simonetta, uno degli autori di Annalisa – peraltro ospite di puntata – attaccato da Morgan per la qualità dei suoi brani. Dargen D’Amico parla di rispetto degli artisti e delle canzoni, Morgan lo accusa di non capire nulla di musica.

Grandi polemiche anche sull’esibizione de Ilsolitodandy: Morgan contesta fortemente la presenza del pubblico nella coreografia, mentre invece a suo dire i suoi sarebbero stati penalizzati.

Prima Manche

Manche giostra: i cantanti eseguono senza pause uno dopo l’altro un pezzo di un brano da loro scelto fra quelli già eseguiti.  Qualche incertezza qua e là, i concorrenti di Morgan hanno eseguito i brani dei bootcamp e lui critica sia la scelta (non sua) dei brani che le esibizioni dei suoi. La manche è secca, perchè porta ad una prima eliminazione al televoto. Eliminato abbastanza a sorpresa Nicolò Selmi.

Seconda Manche

TEAM DARGEN:

SETTEMBRE – Spaccacuore (Samuele Bersani): Non mi piace questo arrangiamento che snatura il pezzo. Lui la canta bene a livello vocale, ma è tutto un po’ superficiale. Non molto adatta questa scelta per un ragazzo così giovane. Battaglio

Stunt Pilots – Ironic (Alanis Morrissette): Nell’arrangiamento meglio il ritornello delle strofe, però confesso che non sono totalmente a mio agio nel giudicare il pezzo di una delle artiste chiave della mia adolescenza. L’album “Jagged little pill”  è una delle cose più belle degli anni 90. Nel complesso bene.

Il Solito Dandy –Ci vuole un fisico bestiale (Luca Carboni): Arrangiamento in mashup con un pezzo della colonna sonora de “La febbre del sabato sera”. Lui è uno showman. Vocalmente non è straordinario ma sopperisce con il modo in cui sta sul palco, sempre divertente e scanzonato.

TEAM AMBRA:

Matteo Alieno – Il chitarrista (Ivan Graziani): Non ha apprezzato questa scelta e purtroppo si sente. In difficoltà a livello vocale, su un pezzo molto difficile: c’è anche da dire che il confronto con l’originale non è semplice.  Sempre lodi per aver ricordato sul palco di X Factor uno dei più  grandi cantautori che la storia italiana abbia mai avuto.

Angelica – I’ve been loving you too long (Otis Redding): Una macchina da musica. Questo pezzo è molto distante dalle sue corde, ma lei ci mette l’anima e con la sua voce graffiata riesce a farlo proprio. Tutto questo nonostante un abbassamento di voce.

TEAM MORGAN:

Astromare – Good vibrations (Beach Boys): Continuo ad avere dubbi sul loro collocamento discografico una volta che usciranno dalla comfort zone (mentre invece pensati per i live sono percfetti), ma che sappiano suonare e cantare molto bene è indubbio e in più hanno una cultura musicale importante per avere solo 20 anni. Prendano nota i SickTeens. Putroppo sono soltanto i due e non in sei come i Beach Boys e si sente, perchè questa operazione perde di forza.

SickTeens –Careless memories (Duran Duran): La cosa più insopportabile di questo gruppo è che vorrebbe cantare solo le cose che piacciono a loro, non avendo capito cosa sia questo programma.  Per il resto, cantano bene, in questa versione più rock del brano dei Duran. Ballottaggio

 

TEAM FEDEZ:

Maria Tomba – September (Earth, Wind & Fire): Avrebbe dovuto cantare “Wake me up when september ends”,  non ce l’ha fatta. Resta la dedica a Settembre.  Non è sicuramente la sua migliore prova, visto anche il poco tempo per provarla, ma complessivamente non sbaglia nulla.  Plauso a Fedez per aver portato ad X Factor uno dei gruppi simbolo dello r’n’b anni 70.

SARAFINE –Tutto il resto è noia (Franco Califano):Confronto al limite dell’impossibile per una che fa musica elettronica, ma lei riesce a cambiare l’arrangiamento rispettando l’atmosfera del brano e il brano stesso, facendo un passo indietro. Canta anche molto bene. A livello di produzione è almeno tre spanne sopra tutti gli altri. Con Maria Tomba e Angelica, una delle tre candidate alla vittoria.

Ballottaggio

SickTeens (Careless whisper di George Micheal) vs SETTEMBRE (Me staje appennenn’amo di Liberato): Non c’è dubbio che Settembre sia maggiormente nella sua comfort zone e sicuramente più preparato.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cattolico, cittadino d'Europa, sinceramente Liberaldemocratico. Già speaker radiofonico. Ha scritto e scrive di cronaca, sport, economia e sociale per giornali nazionali e locali per vivere; scrive di musica su siti e blog per sopravvivere.

Potrebbero interessarti anche...