“Shades of blue”, il ritorno di Rossana Casale è jazz e in inglese

Per gli amanti del genere, è appena uscita una perla raffinatissima. Si chiama “Shades of blue” ed è il nuovo singolo di Rossana Casale, la cantante italo-americana che negli anni 80 e 90 è stata più volte sul palco di Sanremo. A tre anni dal progetto comune con Grazia Di Michele e Mariella Nava (di cui parlammo qui), torna al primo amore, ovvero la musica jazz con un brano in inglese scritto col pianista Paolo Bonafede, che anticipa l’album “Almost blue”,in uscita a Settembre. Dice l’artista di questo brano:

Questa composizione nasce prima dal testo ed è ispirato ad una mia esperienza quasi mistica vissuta in una giornata di inizio autunno. Ero seduta sulla spiaggia. Il cielo e il mare si specchiavano perfettamente uno dentro l’altro fino a rendere impossibile distinguere la linea dell’orizzonte. Erano una cosa sola e mostravano tutte le tinte di blu, di azzurro, di turchese, di indaco. Non so se mi sono ritrovata a pregare o solo a immergermi in quella meravigliosa solitudine ma il mio pensiero si ritrovava a viaggiare molto in alto, quasi a perdersi, la dove vanno a riposare i mille ricordi delle persone che abbiamo amato. Sono tornata a casa con la necessità di scrivere e l’ho fatto con trasporto e semplicità per non perdere l’intensità di quello che avevo vissuto. Una cadenza ritmica però mi girava in testa e così ho scritto il testo in metrica e in inglese. Poi ho chiamato il Maestro Bonafede e ho chiesto a lui di utilizzare la sua forte identità compositiva per creare la musica. L’unione delle mie parole e delle sue note hanno fatto nascere questo brano.

Ora è difficile star qui a ricordare la carriera di Rossana Casale, classe 1959, iniziata come come corista all’Eurovision 1976 per Albano e Romina e proseguita al fianco e in collaborazione con tanti big della musica italiana e poi naturalmente, come solista.

L’apice è senz’altro il terzo posto -sempre in coppia con Grazia Di Michele -nel 1993 con “Gli amori diversi”, ma di Festival ne ha fatti 5 fra il 1986 con Brividi e appunto quest’ultimo, sempre portando sul palco un certo stile interpretativo raffinato, anche quando è principalmente interprete.

Lontana dal mainstream da diverso tempo, ha una carriera discografica di tutto rispetto anche come interprete di cover: ha inciso per esempio un album tributo a Billie Halliday e un’altro a Giorgio Gaber. Ora la ritroviamo con una produzione di spessore che merita di essere segnalata proprio perchè fuori dai riflettori.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *